Invitalia - ex Socio accomandatario e rate non pagate

Domanda di Marco
20 luglio 2016 at 12:18

Vi chiedo lumi in merito ad una microimpresa sas finanziata con Invitalia: sono stato socio accomandatario 60%, ed io ho firmato il contratto di finanziamento con Invitalia.

Dopo un paio di anni ho fatto richiesta ad invitalia di uscire come socio accomandatario e cedere le mie quote ad un nuovo socio, mi e stato concesso il nullaosta di poter fare l'atto presso il notaio e spedire i nuovi documenti presso di loro.

Sono venuto a sapere che la società è chiusa, cambiando ancora con un altro amministratore, e gli e stato notificato un decreto ingiuntivo per non aver pagato le restanti rate.

Al momento di lasciare, la società non aveva debiti con nessuno a parte le rate di Invitalia da pagare.

Le chiedo cosa rischio come ex socio amministratore, se si qualcosa cosa posso fare.

Risposta di Ludmilla Karadzic
20 luglio 2016 at 12:39

In una Sas i soci accomandatari rispondono illimitatamente e solidalmente per i debiti della società.

La Corte di Cassazione, con la sentenza 7688 del 27 marzo 2013, ha sancito che il certificato rilasciato dalla Camera di Commercio è sufficiente a provare la cessione di quota nelle società di persone.

Ad avviso dei Supremi giudici le norme del codice civile prevedono che il socio di una società di persone che abbia perduto tale qualità risponde, nei confronti dei terzi (e quindi anche dell'Amministrazione finanziaria) delle obbligazioni sociali sorte fino al momento in cui la cessione sia stata iscritta nel registro delle imprese o fino al momento anteriore in cui il terzo sia venuto a conoscenza della cessione.

Pertanto lei corre qualche rischio solo per gli eventuali debiti assunti dalla società fino al momento in cui la cessione delle quote è stata materialmente iscritta nel registro delle imprese.