I crediti alimentari non sono solo quelli dovuti ad ex coniuge ed ai figli ... anche i nonni pagano per i nipoti

Articolo inserito da Ludmilla Karadzic
12 febbraio 2012 at 17:07

Si può essere costretti a versare crediti alimentari, in forma coattiva, anche ad altri familiari indigenti: i crediti alimentari, infatti, non sono solo quelli dovuti per il mantenimento del coniuge separato e dei figli.

All'obbligo di prestare gli alimenti al familiare indigente (il soggetto dello schema esplicativo) sono tenuti, nell'ordine:

  1. il coniuge;
  2. i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi e, in loro mancanza i discendenti prossimi, anche naturali (nipoti);
  3. i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali (nonni ); gli adottanti;
  4. i generi e le nuore;
  5. il suocero e la suocera;
  6. i fratelli e le sorelle germani o in subordine unilaterali.

A riprova di quanto asserito, la vicenda che riportiamo di seguito.

Nonno, già separato, tenta il suicidio - deve pagare anche per i nipoti

Trento, pignorato di parte dello stipendio su richiesta nuora - L'uomo disperato (guadagna 1.200 euro al mese) dopo la notifica di pignoramento di parte dello stipendio. Atto deciso dal Tribunale di Verona al quale si era rivolta la nuora dell'uomo che lamentava il mancato versamento degli alimenti ai figli da parte del marito, resosi irreperibile dopo la separazione.

Trento, 3 febbraio 2012 - Dramma sfiorato alla Procura di Trento. Un uomo separato ha tentato di gettarsi dalla finestra dopo aver saputo di dover provvedere al mantenimento non solo della ex moglie ma anche dei nipoti, in base ad un provvedimento ottenuto dalla nuora separata.

L'uomo è salito sul davanzale della finestra posta al primo piano dell'ufficio del giudice per le esecuzioni. Il 59enne dipendente dell'Università di Trento, fortunatamente è stato salvato da un carabiniere che è riuscito ad afferrarlo prima che si buttasse nel vuoto.

Il gesto estremo nasce dalla disperazione dell'uomo, che guadagna 1.200 euro al mese, dopo aver ricevuto una notifica relativa al provvedimento esecutivo di pignoramento di parte dello stipendio. Atto deciso dal Tribunale di Verona al quale si era rivolta la nuora dell'uomo che lamentava il mancato versamento degli alimenti ai figli da parte del marito, resosi irreperibile dopo la separazione.

Da qui il provvedimento esecutivo nei confronti del nonno. Il caso ha precedenti nella giurisprudenza che prevede che un genitore debba accollarsi le spese o gli alimenti non versati dal figlio sposato, anche se maggiorenne.