Fideiussione omnibus e responsabilità della banca

Domanda di Maxhrc
5 ottobre 2015 at 05:47

In merito al mio precedente post (sulla fideiussione) purtroppo non sono riuscito a continuare la discussione e ho dovuto aprirne un altro. Non trovo nessun link di replay.

La mia domanda è questa: ma la banca non è responsabile di onestà e trasparenza del conto corrente del debitore? Non dovrebbe comunicare al fideiussore comportamenti scorretti del debitore principale?

Se si, non è possibile tramite avvocato chiedere l'annullamento della fideiussione portando delle prove tangibili?

Risposta di Annapaola Ferri
5 ottobre 2015 at 06:08

Non esiste un link di replay come risulta dall'avviso che trova in fondo al topic: Questo non è propriamente un forum di discussione, ma uno spazio reso disponibile ai lettori registrati (oppure connessi con credenziali Facebook e Google+) per porre una domanda ed ottenere una risposta. Per fornire un servizio efficiente, ottimizzare le poche risorse disponibili ed evitare gli interventi di soggetti non autorizzati, gli utenti non possono rispondere alle domande nè replicare alle risposte degli esperti. Se hai necessità di chiarimenti e/o ritieni di voler approfondire altri aspetti della questione di tuo interesse, dovrai inserire una nuova domanda. In questo caso, considera che non sarà necessariamente la stessa persona a risponderti. Pertanto, la nuova domanda dovrà essere autosufficiente e comprensibile a chiunque la legga per la prima volta.

Se con la necessaria attenzione avesse letto anche il contratto che ha firmato, avrebbe capito che la fideiussione può essere costituita in forma “specifica” o “omnibus”. Con il rilascio di questa garanzia (fideiussione) il fideiussore garantisce la banca, fino all'importo massimo stabilito in contratto, per l'adempimento di tutte le obbligazioni (se omnibus) o per quelle specificatamente indicate come garantite (se specifica), assunte verso la banca stessa dal debitore garantito e derivanti da operazioni bancarie di qualsiasi natura, quali, ad esempio, finanziamenti concessi sotto qualsiasi forma, aperture di credito, anticipazioni su titoli, su crediti o su merci, sconto o negoziazione di titoli cambiari o documenti, nonché per garanzie rilasciate dal debitore a favore della banca stessa nell'interesse di altre persone.

Ora, lei a fronte di un prestito di 17 mila euro ed un'apertura di credito per 5 mila già accordati al debitore principale all'atto della sottoscrizione del contratto di garanzia omnibus, avrebbe almeno dovuto chiedersi perchè l'importo massimo fosse di 62 mila euro e non di 22 mila.

Gli altri 40 mila euro andranno a coprire qualsiasi ulteriore richiesta del debitore principale, anche un ampliamento del fido (com'è già accaduto), senza alcun obbligo di interpellare, al riguardo, il fideiussore.

Pertanto, non è ravvisabile, finora, alcun comportamento scorretto da parte della banca garantita, né da parte del debitore principale.

Se vuole, come già suggeritole, può provare a chiedere il recesso dalla garanzia del fido e la conversione della fideiussione da omnibus a specifica (per il solo prestito da 17 mila euro). Il che, però, non la esenterà dall'obbligo di pagare alla banca l'importo del fido utilizzato fino al momento in cui il recesso/conversione diventerà efficace.

Il recesso dalla fideiussione omnibus, invece, comporterà l'estinzione del prestito da 17 mila euro ed il pagamento di tutto lo scoperto di conto corrente esistente al momento della richiesta.