Fermo amministrativo iscritto da società locale di riscossione poi fallita

Attenzione » il contenuto della discussione è poco significativo, risulta duplicato oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione.

Domanda di gianni51
29 giugno 2016 at 17:43

Mi hanno fatto un fermo amministrativo nel settembre 2011, l'ente impositore è il comune per servizi idrici del 2000-2005 su un contatore a me intestato ma chiuso da anni, l'agente della riscossione per la provincia di Roma è la Gestione Servizi Pubblici srl, con sede a Roma.

Il comune nell'anno 2012 ha revocato il mandato per la riscossione dei tributi alla Gestione Servizi Pubblici in quanto dalla documentazione trovata in rete ho scoperto che gli è stata revocata l'autorizzazione per la riscossione, affidandola alla Assoservizi SRl.

Oltretutto scopro che il fermo ad oggi risulta ancora iscritto, e la società Gestione Servizi Pubblici è fallita.

Domande:

1 - revocando l'autorizzazione per la riscossione non avrebbero dovuto provvedere alla cancellazione del fermo?
2- Il comune dando ad altro gestore non avrebbe dovuto revocare il fermo e poi notificarmi di nuovo il debito da parte dell'altro ente?
3- Il fermo si prescrive?

Risposta di Annapaola Ferri
29 giugno 2016 at 17:48

Purtroppo, la risposta è negativa per tutte e tre le domande.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Approfondimenti e integrazioni

cerca