Compensazione della cartella esattoriale con crediti di imposta (art 28-ter DPR 602173)

Domanda di tania dal ben
21 settembre 2011 at 21:25

Nel 2004 equitalia ha emesso erroneamente nei confronti di mio padre, una cartella esattoriale per un importo già pagato, conserviamo sia il bollettino di pagamento che l'avviso bonario della cartella. dal 2004 al 2009 equitalia non ha più richiesto alcun pagamento. nel 2009 poche settimane dopo la morte di mio padre, equitalia ha compensato un credito irpef con quella vecchia cartella esattoriale erroneamente emessa.

Non abbiamo autorizzato la compensazione e non abbiamo incassato la differenza ma a distanza di due anni e diverse visite all'agenzia delle entrate e a equitalia, l'ultima risposta è stata:" lo sblocco dell'ex art 28-ter dipende da un ufficio chiuso al pubblico che non sa neanche quando prenderà in considerazione la pratica"; ma è possibile? come muovermi per non perdere più tempo e riavere i miei soldi?

Risposta di Simone di Saintjust
22 settembre 2011 at 06:13

Il rimedio a queste situazioni è il ricorso. Può servire anche la procedura di autotutela (quella da lei seguita) tenendo tuttavia ben presente che se non si ottiene una risposta alla propria istanza in tempo utile, bisogna comunque procedere a presentare ricorso nei termini (l'autotutela non sospende i termini per il ricorso).

Il ricorso andava presentato nel momento in cui c'è stata la notifica della comunicazione di compensazione. Adesso, credo, non le resta altro da fare se non sperare che "quell'ufficio" riprenda l'esame delle pratiche e che la sua istanza sia assegnata ad un impiegato che legga almeno di cosa si tratti prima di rigettarla "tout court" perchè ne ha troppe da lavorare.