srl ed eventuali debitori

Domanda di deskob
28 gennaio 2012 at 16:05

Riposto la domanda perchè non ho capito bene se trasformando la mia ditta individuale in SRL, almeno il conto della ditta potrebbe NON essere attaccato da eventuali debitori che vantano la mia firma a garanzia per debiti non pagati con le banche.
Avete dei consigli?

————
Nel 2009 ho fatto firma a garanzia per aiutare un amico che poi non ha onorato i debiti con la banca.

Questo debito ora non viene pagato e la banca mi ha intimato la restituzione del capitale in quanto le rate arretrate sono già 4.

Io ho un'attività in proprio e non vorrei che venisse compromessa da eventuali pignoramenti.

Come posso fare?

Il conto corrente della mia attività, attualmente come ditta individuale, se la trasformassi in SRL, potrebbe essere attaccato?

Sempre nel caso costituissi una SRL a socio unico potrei almeno continuare a lavorare senza avere il pensiero che i soldi che mi servono per lavorare e pagare le merci non possono essere toccati?

—————

Risposta di Michelozzo Marra
28 gennaio 2012 at 13:50 #161818
Il socio o i soci di una società a responsabilità limitata rispondono solo delle quote di capitale sottoscritte.

Ma, sia chiaro, per i debiti assunti dalla società a r.l., non per quelli che i singoli soci, anche in qualità di garante, hanno assunto, o assumono, come persone fisiche.
—————

Risposta di Tullio Solinas
28 gennaio 2012 at 17:22

Le quote della società srl da lei detenute risulterebbero pignorabili dai suoi creditori personali. Si rischia non direttamente il pignoramento del conto corrente della società srl, ma addirittura il blocco della conduzione amministrativa ed operativa della stessa.

Meglio affidarsi al classico espediente di un conto corrente intestato a terzi con delega totale affidata al debitore. Versamenti a misura quando servono sul conto corrente della ditta individuale e giacenze per lo stretto tempo necessario ad effettuare le operazioni correnti di gestione dell'attività.

Difficile per il creditore trovare il tempismo per pignorare una disponibilità adeguata. Per il debitore, la soluzione non rappresenta certo il massimo in quanto ad efficienza; ma non si può avere tutto dalla vita.