Esdebitazione per debito dovuto ad IVA non versata

Domanda di Vittorio
24 febbraio 2016 at 09:24

Buongiorno sono nullatenente, ho chiuso ditta individuale; se passa un anno dalla chiusura non potranno più farmi fallire; tenendo conto di un debito iva elevato maturato negli anni, ha un senso richiedere qualche procedura di esdebitazione? esiste qualche procedura economica che consenta di stralciare i debiti con erario compresa iva, oppure l iva come mi sembra di aver capito, nno è possibile abbatterla?

Risposta di Ludmilla Karadzic
24 febbraio 2016 at 10:30

Per quel che attiene l'esdebitazione fallimentare, il fallito persona fisica è ammesso al beneficio della liberazione dai debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali non soddisfatti a condizione che:

  1. abbia cooperato con gli organi della procedura, fornendo tutte le informazioni e la documentazione utile all'accertamento del passivo e adoperandosi per il proficuo svolgimento delle operazioni;
  2. non abbia in alcun modo ritardato o contribuito a ritardare lo svolgimento della procedura;
  3. abbia consegnato al curatore la propria corrispondenza di ogni genere, inclusa quella elettronica, riguardante i rapporti compresi nel fallimento;
  4. non abbia beneficiato di altra esdebitazione nei dieci anni precedenti la richiesta;
  5. non abbia distratto l'attivo o esposto passività insussistenti, cagionato o aggravato il dissesto rendendo gravemente difficoltosa la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari o fatto ricorso abusivo al credito;
  6. non sia stato condannato con sentenza passata in giudicato per bancarotta fraudolenta o per delitti contro l'economia pubblica, l'industria e il commercio, e altri delitti compiuti in connessione con l'esercizio dell'attività d'impresa.

L'esdebitazione non può essere concessa qualora non siano stati soddisfatti, neppure in parte, i creditori concorsuali.

Restano esclusi dall'esdebitazione gli obblighi di mantenimento e alimentari e comunque le obbligazioni derivanti da rapporti estranei all'esercizio dell'impresa; i debiti per il risarcimento dei danni da fatto illecito extracontrattuale nonchè le sanzioni penali ed amministrative di carattere pecuniario che non siano accessorie a debiti estinti.

Con l'esdebitazione fallimentare, restano comunque salvi i diritti vantati dai creditori nei confronti di coobbligati, dei fideiussori del debitore e degli obbligati in via di regresso.

L'esdebitazione ex legge 3/2012 riguardante la composizione delle crisi da sovraindebitamento per soggetti non fallibili, non è ammissibile per tributi costituenti risorse proprie dell'Unione europea, per l'imposta sul valore aggiunto e per le ritenute operate e non versate (la legge prevede, in tali ipotesi) esclusivamente la dilazione del pagamento.