Donazione in contanti

Domanda di Claudio1966
15 luglio 2015 at 09:45

I miei genitori hanno problemi con Equitalia che negli anni sono diventati incubi con mega cartelle esattoriali da capogiro. Inutile raccontare che abbiamo oltrepassato il limite del non ritorno...grazie anche a professionisti da strapazzo che non hanno fatto nulla di giusto. Da circa due anni, hanno la prima casa e un magazzino pignorato da parte di Equitalia. L'immobile non è ancora andato all'asta preciso...ma il quesito è un'altro. L'anno scorso ho avuto difficoltà economiche e mio padre ha deciso di darmi dei contanti per far fronte alle tasse e ad un mutuo ipotecario che avevo contratto con una banca. Per par condicio ha dato la stessa cifra a mio fratello dicendo che era giusto avere in parti uguali l'eredità ora che serve e non quando morirà. Ora complice l'ansia per la situazione, ci è stato inculcato il dubbio che gli uffici competenti potrebbero rivalersi su di noi per questi soldi presi chiedendoceli indietro con interessi o chissà con quant'altro.

Risposta di Ornella De Bellis
15 luglio 2015 at 10:12

Chiunque può disporre come crede delle proprie disponibilità in conto corrente: donare ai figli, ad esempio, o decidere di dilapidare i risparmi di una vita in donne, gioco o champagne.

Dal punto di vista fiscale, se il beneficiario è il coniuge o un figlio del donante, e se il bene donato non è un immobile, l'imposta di donazione si applica solo alla parte della base imponibile che supera la franchigia riconosciuta di un milione di euro.

Nessun obbligo discende in capo ai beneficiari rispetto ad eventuali creditori del donante.

Solo nel caso di immobili, se la donazione è stata posta in essere successivamente al sorgere del credito, il creditore può procedere direttamente contro il donatario senza dover necessariamente proporre azione revocatoria dell'atto.

Piuttosto, il problema delle disponibilità in conto corrente potrebbe porsi in seguito alla morte del genitore, nel caso in cui le procedure esecutive avviate da Equitalia non dovessero portare al completo rimborso dei crediti vantati dalla PA: i figli o accettano l'eredità facendosi carico dei debiti residuali in capo al defunto oppure vi rinunciano, nel qual caso agli eredi rinuncianti subentrerebbe Equitalia.

Sarebbe bene allora che il debitore non disponesse di troppa liquidità in conto corrente, oppure cointestasse, fin da adesso, il conto corrente a coniugi e figli.