Debito Aler e pignoramento dello stipendio

Domanda di fm55
4 gennaio 2017 at 10:07

Mia mamma 12 anni fa viveva nelle case comunali e ha sempre pagato l'affitto, poi si è trasferita nell'appartamento di proprietà del compagno e ha cambiato sia residenza che domicilio. Ora il problema, quando se ne è andata suo fratello è andato a vivere li e non ha pensato di cambiare intestatario della casa (che quandi è rimasta a nome suo) e lui a quanto pare non ha pagato.

Ieri mia mamma ha ricevuto una telefonata dal suo datore di lavoro che le comunicava che era in atto un pignoramento con cui le porteranno via per chissà quanti anni un quinto dello stipendio per un debito che non è nemmeno suo (sono 12 anni che non mette piede in quella casa!). Noi non possiamo pemettercelo.

Io, che vado ancora a scuola, ho dovuto cercare un lavoro per poter avere almeno la speranza di poter andare all'università l'anno prossimo, perchè con lo stipendio intero di mia mamma (che se ne va fino all'ultimo centesimo per la casa e la spesa) non ce la facevamo. Se non risolvo questa situazione tutto il mio futuro va in pezzi.

Risposta di Loredana Pavolini
4 gennaio 2017 at 10:58

Purtroppo, mi spiace, ma c'è poco da fare: sua madre avrebbe dovuto comunicare che lasciava l'appartamento assegnatole dall'ALER. Peraltro, se lo avesse fatto, la casa sarebbe stata assegnata ad altri aventi diritto e suo zio non avrebbe potuto fruirne, come ha fatto in questi anni.

Se c'era un accordo fra sua madre e suo zio sul pagamento del dovuto all'ALER, resta una questione privata, anche difficile da riproporre eventualmente nelle aule giudiziarie dal momento che non essendo proprietaria dell'appartamento, ma solo assegnataria, sua madre non avrebbe potuto locare l'unità abitativa a suo zio pretendendo, in cambio, un canone.