Debiti del defunto su carta revolving associata a conto corrente cointestato

Domanda di Frenzo
7 dicembre 2015 at 17:11

Mio padre era possessore della normale American Express oro e di quest'altra Blu American Express, entrambe canalizzate nel conto corrente cointestato a mio padre e mia madre.

Nella carta blu è rimasto un debito per un fido di circa 3500 euro usato da mio padre che viene addebitato ratealmente ogni mese nel conto corrente.

Quello che vorrei chiedervi è che visto non ci sarà nessuna successione, mio padre non aveva intestato nulla a suo nome, che succede a quel fido da saldare?

Dobbiamo mandare un certificato di morte ad American Express? la questione si chiude li o si complica visto che c'è un conto cointestato (moglie/marito)?

Se mia madre preleva tutto il saldo rimasto e chiude questo conto cointestato American Express può richiedere di saldare questo debito a lei o a me come figlio?

Risposta di Andrea Ricciardi
7 dicembre 2015 at 17:32

Le disponibilità in conto corrente cointestato a firma disgiunta, alla morte di uno dei titolari, vengono ripartite, al 50%, fra il cointestatario superstite e i chiamati all'eredità del defunto.

Esiste, quindi, una massa ereditaria pari al 50% di quanto disponibile in conto corrente che in caso di coniuge superstite con un figlio, va suddivisa a metà.

Dovrà pertanto esserci, necessariamente, una successione.

Concludendo, per evitare di pagare il debito collegato alla carta revolving è necessario che i chiamati (coniuge e figlio del defunto) rinuncino all'eredità.

La rinuncia all'eredità, per evitare di dover adempiere alla obbligazioni contratte in vita dal defunto, va comunque effettuata anche nel caso in cui il defunto lascia solo debiti.