Cessazione del servizio di fornitura telefonica

Domanda di mulholland
14 gennaio 2012 at 19:02

A luglio 2010 ho sottoscritto un contratto di fornitura telefonica secondo il quale in caso di cessazione del servizio, avrei dovuto pagare un contributo di disattivazione pari a 59 euro.

Il mese scorso (dicembre 2011) ho deciso di recedere dal contratto inviando apposita raccomandata A/R.

Proprio ieri mi è arrivata l'ultima fattura da pagare contenente appunto il contributo di disattivazione.

La mia domanda è: il decreto Bersani del 2006 (divenuto poi legge) non aveva stabilito che tale contributo non doveva essere pagato anche se specificato nel contratto?

Se è così, come mi consigliate di agire? (io vorrei pagare tutti gli importi dovuti dell'ultima fattura decurtati però del contributo di disattivazione richiamando tramite raccomandata A/R la legge Bersani)

Risposta di Tullio Solinas
17 gennaio 2012 at 13:04

A me risulta che il contributo di disattivazione sia dovuto, e che fra le tante leggi introdotte dall'on. Bersani non vi sia quella che esenta dal pagamento di tale contributo.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Approfondimenti e integrazioni

Briciole di pane

cerca