Bollette del gas - Conguaglio esagerato ed interruzione termini

Domanda di Enrico
17 maggio 2016 at 09:13

Mi sono stati presentati due conguagli del gas per un totale di oltre 4000 euro relativi ad un periodo di poco più di due anni. Considerando le bollette di oltre 300 euro del periodo invernale, mi sembra un consumo disumano, per due persone, in 80mq di casa, peraltro cosa verificata anche dalle addette del call center con cui ho parlato, ma che non hanno potuto fare alcunché. Presumo un guasto al contatore, che nel frattempo mi è stato sostituito. Come posso oppormi?

Seconda domanda, avendo nel frattempo cambiato casa, mi è stata recapitata in ufficio una raccomandata di uno studio legale di "interruzione termini" con cui si chiede il pagamento, consegnata all'addetto alla reception. Ora è un caso che ne sia venuto in possesso, visto che buona parte del personale lavora presso cliente. Posso approfittare di questa cosa facendo finta di non averla ricevuta o comunque di averne avuto consegna molto in ritardo?

Risposta di Giovanni Napoletano
17 maggio 2016 at 09:20

Spesso i fatti sono chiari a chi scrive, ma difficili da comprendere a chi legge.

Per quanto riguarda la notifica della comunicazione di messa in mora, essa risulta legittima quando effettuata presso il luogo di lavoro del debitore e presa in consegna dall'addetto alla reception.

Per quel che attiene il conguaglio della fornitura di gas, lei riferisce di aver cambiato casa e quindi il sospetto è che non ci sia stata qualche complicazione nei tempi di voltura del contatore con consumi effettuati dal nuovo inquilino ed addebitati a lei.

Di più non si può dire in base agli elementi acquisiti.