fuggire dai debiti

Domanda di idefix78
29 agosto 2011 at 09:48

Se una persona ha dei debiti e non ha nulla di proprietà sul quale possono attaccarsi,e decide di andare all'estero a vivere...cosa succede ai suoi debiti?
Possono in qualche modo recuperare qualcosa? Dopo quanti anni decadono questi debiti?
Parliamo di un debito con una finanziaria e uno con equitalia.

Risposta di Simone di Saintjust
29 agosto 2011 at 12:31

I debiti restano, anche se non possono essere pagati ed anche se si vive all'estero.

Alla morte del debitore i debiti passano agli eredi, ma questi possono, se lo ritengono utile ed opportuno, rinunciare all'eredità.

I debiti, nella generalità dei casi, vanno in prescrizione dopo dieci anni in cui il creditore non li esige con una comunicazione notificata al debitore nelle forme previste dalla legge.

La comunicazione, che interrompe i termini di prescrizione del credito, va inviata alla residenza del debitore, così come risulta dai registri anagrafici.

In caso di residenza all'estero, il debitore è obbligato a comunicare all'AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero) il proprio domicilio. In tal caso il creditore notifica a quell'indirizzo una eventuale comunicazione interruttiva della prescrizione.

Sia che viva in Italia, sia che si sia trasferito all'estero, a nulla vale che il debitore non ritiri la comunicazione inviata dal creditore. Infatti, in caso di temporanea irreperibilità del debitore, la notifica si intenderà perfezionata per "compiuta giacenza".

Spero di essere stato chiaro.