chiarimento su nuove procedure di riscossione di equitalia.

Domanda di gabriel69
4 ottobre 2011 at 18:36

Buonasera a tutti voi di questo utilissimo forum, volevo chiedere dei chiarimenti sugli effetti della nuova procedura di riscossione di equitalia.

Purtroppo da cobbligato sto pagando per una cartella da un milione di euro,facevo parte di una snc,ora sono lavoratore dipendente di una multinazionale, assunto nel 2008, lavoro 10 ore al giorno, senza pausa.

Il mese scorso equitalia mi ha pignorato il quinto dello stipendio e il conto corrente, e quindi tutto lo stipendio se lo sono presi, più 250 euro che avevo in banca.

Non riuscirò mai a pagare quel debito che non é neanche il mio, ma dell'amministratore unico di questa snc di cui facevo parte.

Adesso sono un po' spaventato perche ho paura che equitalia con i nuovi poteri che ha avuto possa pignorarmi tutto lo stipendio direttamente dall'azienda (il quinto gia se lo sono presi)e se dovessi dimettermi puo pignorarmi tutto il tfr?.

Se perdo questo lavoro perdo tutto e posso solo andare a fare il barbone.

Nel frattempo ho cambiato conto dove fare arrivare questo mese quello che rimane del mio stipendio,sperando in bene. Sto pensando di chiedere all'azienda di pagarmi in contanti, ma se con questi nuovi poteri che ha avuto equitalia puo bloccarmi tutto lo stipendio allora non mi rimane che dimettermi, sto facendo di tutto per tenermi questo posto.

Risposta di Chiara Nicolai
4 ottobre 2011 at 20:00

Stia tranquillo. Il pignoramento presso terzi non può eccedere il quinto dello stipendio.

Per il TFR, allo stesso modo, quando e se andasse via, le verrà trattenuto solo il 20%. Il problema sarà, come al solito, non farsi pignorare il conto corrente sul quale verranno depositati i soldi.