prestiti personali e a consumo

Domanda di utente
28 agosto 2011 at 11:49

Ho due prestiti in atto di cui uno personale ed uno al consumo che non riesco a pagare più per pieghe che ha preso la mia vita che non sto qui a raccontare.

Comunque fornisco di seguito dei dati oggettivi che potranno servire da valutazione.

1) Il finanziamento di personale mi è stato dato in conseguenza ad un voucher che mi arrivò a casa 4 anni fà che mostrava: "7500 €. per lei senza nessuna garanzia". Io ne avevo bisogno per dei lavori che dovevo fare ai denti e NONOSTANTE FOSSI DISOCCUPATO, mi presentai al Monte paschi di Siena della mia città (dove diceva di recarsi il voucher) ed il cassiere dopo aver preso i miei dati personali, senza busta paga e nient'altro mi fece firmare i moduli per la richiesta che successivamente venne accettata.

Ora, dopo 48 rate (su 72) regolarmente pagate, sono 6 mesi che non pago in quanto sono proprio in una brutta situazione.

Mi hanno fatto qualche telefonata di sollecito (con la massima scortesia) ed oggi mi arriva una telefonata di un numero cellulare dove un uomo mi dice che se non pago entro fine dicembre, la finanziaria risolverà il contratto, esigendo tutte le 24 rate in un'unica soluzione ed avviando una serie di procedure fra le quale mi ha detto c'è anche il blocco dei conti correnti.

Il finanziamento per credito al consumo non lo pago dallo stesso tempo (6 mesi) con la differenza che questo l'ho fatto con la busta paga e le rate pagate sono molto di meno (circa 24 su 72). Anche loro mi hanno chiamato (MOLTO PIU'UMANI) ed ancora non mi comunicano nulla sulle procedure.

Quello che chiedo è una situazione più chiara possibile sulle reali conseguenze alle quali vado incontro e le possibili soluzioni o strade da intraprendere, in particolare domando:

- Possono realmente bloccarmi il conto corrente (che ho all'Intesa San Paolo della mia città)? Non è che abbia molto (circa 500 euro) ma devo chiaramente tutelarmi verso questo.
- Ho solo la macchina come bene intestato (una VW lupo del 1998 fuori quotazione) e vivo in affitto, possono prendersi qualcosa?
- Ho letto di una procedura che si chiama "Saldo e Stralcio" che parla di una estinzione minima accordata fra le parti anche a rate: proveranno sicuramente ad attuarla o posso provare a fare io una proposta?
- Per quanto riguarda il prestito personale, posso in qualche modo impugnare il fatto di avermi erogato un finanziamento senza che io dimostrassi alcuna fonte di reddito?

Risposta di Simone di Saintjust
28 agosto 2011 at 12:01

Possono realmente bloccarmi il conto corrente (che ho all'Intesa San Paolo della mia città)? Non è che abbia molto (circa 500 euro) ma devo chiaramente tutelarmi verso questo.

Si, ma solo dopo aver ottenuto un titolo esecutivo (decreto ingiuntivo divenuto esecutivo). Prima di allora dovrà ricevere la DBT (lettera di decadenza del beneficio del termine), che in genere viene inviata dopo 7-8 rate scadute.

Ho letto di una pratica che si chiama "Saldo e Stralcio" che parla di una estinzione minima accordata fra le parti anche a rate: proveranno sicuramente ad attuarla o posso provare a fare io una proposta?

Una proposta di questo tipo non arriverà dal creditore, forse solo dopo che il credito sia definitivamente in sofferenza (e magari ceduto) il creditore potrebbe farsi avanti per primo con una proposta del genere... quindi non prima di un paio di anni, con tutte le conseguenze che potrebbero avvenire nel frattempo.

Più probabile che una proposta simile sia accettata se proveniente da Lei, ma anche in questo caso transazioni di considerevole importo difficilmente vengono concesse prima della DBT.

Per quanto riguarda consum.it, posso in qualche modo impugnare il fatto di avermi erogato un finanziamento senza che io dimostrassi alcuna fonte di reddito?

No.