Cessione del quinto e insinuazione al fallimento

Domanda di marcio
8 marzo 2014 at 15:37

Tre anni fa chiesi all'IBL banca una cessione del quinto ....dopo un anno la mia azienda fallisce. Io per sei mesi non percepisco nulla anzi vivo con i soldi del prestito. Dopo un anno la finanziaria si insinua al passivo e si prende tutto il tfr e 4 mensilita non pagate. Io da un anno lavoro e un mese fa mi e arrivata sia a me che alla mia azienda la notifica dell'avvocato della finanziaria che ora che lavoro devono proseguire il discorso della cessione. Le mie domande sono due ... una, loro potevano sia prendersi tutto il tfr che le mie 4 mensilita? Due ..il mio datore di lavoro e obbligato a continuare a pagare benche lui non abbia firmato nessun contratto dal momento che la cessione la feci con l'azienda precedente Anche perche non mi sono trovato con un euro in mano dal fallimento fino adesso.

Risposta di Ludmilla Karadzic
8 marzo 2014 at 18:25

Il prestito, noto come cessione del quinto, viene facilmente concesso in virtù della garanzia fornita proprio dal TFR a fronte di eventi come le dimissioni del debitore, il suo licenziamento per giusta causa o la perdita del posto di lavoro imputabile a chiusura dell'azienda.

In quest'ultimo caso, è'evidente che, anche con l'insinuazione al fallimento, il creditore - che ha erogato il prestito tramite cessione del quinto - non è riuscito a recuperare l'intero TFR o, comunque, quanto necessario a coprire l'intero debito.

Per il residuo, IBL banca non può certo riattivare forzosamente il prestito con cessione del quinto rivolgendosi al nuovo datore di lavoro. Questa potrebbe essere una soluzione solo con l'assenso del debitore, cioè lei.

L'alternativa, tuttavia, è l'avvio della procedura di pignoramento del quinto dello stipendio, che comporterebbe l'aggravio delle spese legali.

Le suggerisco di aderire ad una transazione, facendosi assistere da un esperto che possa controllare, attraverso la documentazione relativa all'insinuazione al passivo, quanto è stato effettivamente recuperato da IBL banca nei confronti della vecchia azienda fallita.