Carte di credito revolving e rate non pagate - Cosa mi aspetta?

Domanda di ifurcas
15 dicembre 2015 at 17:29

Ricevo telegramma da recupero crediti per conto di una finanziaria per un debito di una carta di credito di totale 2 mila e 500 euro che da alcuni mesi non posso più pagare; il telegramma riporta: Ritardato pagamento di oltre 90 giorni. In mancanza di immediato pagamento si attivano procedure contrattuali. Che significa? Secondo voi posso rischiare pignoramento di auto o al mio domicilio anche se non ho niente di valore per questo importo?

Inoltre ho appena parlato telefonicamente con un'altra agenzia di recupero crediti per un'altra carta di 2.000 euro da pagare, che dopo aver sentito tutta la grave situazione economica mi ha dato un numero dal quale far chiamare la federconsumatori (alla quale ci siamo rivolti) per chiedere un eventuale saldo a stralcio. Ma se non abbiamo la possibilità di disporre nemmeno di 100 euro presumo sia inutile.

Io come da Vostro consiglio sto cercando il modo di uscire da questa situazione debitoria con la legge 3/12 ma, purtroppo non so proprio a chi rivolgermi, visto che mi viene sconsigliata anche dalle associazioni dei consumatori.

Risposta di Annapaola Ferri
15 dicembre 2015 at 17:45

Si tratta di una comunicazione di decadenza dal beneficio del termine (DBT): in pratica, si perde la possibilità di saldare il debito con rate mensili e verrà successivamente richiesto il rimborso in un'unica soluzione.

Per le eventuali azioni esecutive (pignoramento) finalizzate alla riscossione coattiva di quanto dovuto al creditore c'è ancora tempo: capirà che il tempo volge al brutto quando la finanziaria le notificherà il ricorso giudiziale per decreto ingiuntivo.

Se lei non ha soldi (e beni aggredibili) non comprendo perché chiedere a Federconsumatori il supporto tecnico per concordare con i creditori una soluzione transattiva a saldo stralcio: sicuramente è inutile.

Anche la strada della legge 3/2012 (composizione delle crisi da sovraindebitamento) è impercorribile se non si ha la possibilità di rimborsare nemmeno parzialmente i creditori.