Assegni non pagati - ma non risulta protesto nè segnalazione in CAI

Domanda di lucaandrea
10 giugno 2015 at 13:15

Circa un anno fa ho avuto un problema con un assegno che non ho mai pagato: oggi ho fatto una visura CAI e una visura protesti e non risulta nulla. Volevo sapere come mai.

Risposta di Ornella De Bellis
10 giugno 2015 at 13:25

La banca non è obbligata a protestare l'assegno, un'operazione che, come abbiamo spesso indicato in alcuni interventi, specie per quelli nominativi (superiori o uguali a mille euro) nulla toglie e niente aggiunge all'azione esecutiva esperibile dal creditore.

Così si spiega l'assenza di segnalazione nel RIP (Registro Informatico dei Protesti)

La banca è invece obbligata a segnalare alla CAI (Centrale di Allarme Interbancaria) ed al Prefetto, il correntista che emette assegni a vuoto.

L'iscrizione in CAI, con contestuale revoca di sistema (impossibilità ad emettere assegni) dura sei mesi e la cancellazione, decorso tale termine, è automatica.

Tuttavia, il Prefetto emetterà, prima o poi (ha cinque anni di tempo per farlo), una sanzione amministrativa e, in caso di recidiva, imporrà una ulteriore iscrizione in CAI con permanenza superiore ai sei mesi.