Vorrei sapere perché la banca nega l'apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio

Domanda di Antonino
30 aprile 2016 at 16:13

Mi piacerebbe sapere perché una banca nega l'apertura di un conto corrente cointestato con mio figlio: premesso che, sia io che mio figlio siamo già clienti della banca di altri conti correnti intestati singolarmente o cointestati con terzi.

Tramite il call center, la banca risponde che la richiesta da me fatta per l'apertura del conto corrente é stata rifiutata però non mi dà ne la motivazione, né una comunicazione scritta protocollata.

La loro risposta é: ... abbiamo inviato comunicazione scritta, dove comunque non viene specificato il motivo del diniego. ; comunicazione mai arrivata al sottoscritto.

Risposta di Chiara Nicolai
30 aprile 2016 at 17:29

Molto probabilmente lei e/o suo figlio, dopo l'apertura dei rapporti di conto corrente già in essere, siete stati oggetto di segnalazione in una Centrale Rischi pubblica o privata.

Non esiste alcun obbligo della banca di instaurare un rapporto di conto corrente con un soggetto. Si rientra, sotto questo aspetto, nel concetto di merito creditizio, il quale impone che non possano essere sindacate le scelte effettuate dalla banca.

Va osservato, peraltro, che neppure può essere censurato il fatto che il diniego sia stato immotivato: l'importante è che la risposta della banca sia stata fornita in tempi rapidi. Nulla esclude che una risposta diversa possa essere fornita da altra banca.

Quelle appena riportate sono le considerazioni svolte dall'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) nella decisione 6464/15. Quindi, non ce ne voglia.