Divorzio e nuovo matrimonio - Il divieto temporaneo di nuove nozze

La donna non può contrarre un nuovo matrimonio prima di trecento giorni dal divorzio.

L'articolo 89 del codice civile prevede che la donna non possa contrarre un nuovo matrimonio se non dopo trecento giorni dallo scioglimento, dall'annullamento o dalla cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio.

Questo divieto non si applica quando:

  1. il divorzio è stato pronunciato a seguito di separazione giudiziale o separazione consensuale, oppure a seguito di separazione di fatto iniziata almeno 2 anni prima del 18 dicembre 1970;
  2. il matrimonio è stato dichiarato nullo per impotenza, anche soltanto a generare, di uno dei coniugi.

Al di fuori di questi casi, è possibile chiedere al Tribunale l'autorizzazione a sposarsi prima di trecento giorni, qualora:

  • sia inequivocabilmente escluso lo stato di gravidanza;
  • risulti da sentenza passata in giudicato che il marito non ha convissuto con la moglie nei trecento giorni precedenti lo scioglimento, l'annullamento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio.

In ogni caso il divieto cessa dal giorno in cui l'eventuale gravidanza sia terminata.

Il motivo di questo divieto temporaneo di nuove nozze è quello di evitare possibili dubbi sulla paternità della prole.

Per porre una domanda su divorzio e divieto temporaneo di nuove nozze, accedi al forum. Clicca qui.

Per ulteriori approfondimenti su divorzio e divieto temporaneo di nuove nozze, consulta questa sezione.

13 settembre 2010 · Antonella Pedone

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio e nuovo matrimonio - il divieto temporaneo di nuove nozze.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.