Il limite dei mille euro per l'assegno di mantenimento in caso di divorzio

La sentenza del Tribunale di Milano che ha introdotto il limite dei mille euro per l'assegno di mantenimento in caso di divorzio.

L'indipendenza economica che fa venir meno il diritto all'assegno divorzile è la capacità per una determinata persona, adulta e sana, di provvedere al proprio sostentamento, inteso come capacità di avere risorse per le spese essenziali (vitto, alloggio, esercizio dei diritti fondamentali).

E un primo parametro il giudice lo può ricavare dagli introiti del coniuge più debole: sopra mille euro al mese il diritto può essere negato.

Questa la precisazione contenuta nell'ordinanza presidenziale della IX Sezione del Tribunale di Milano, emessa il 22 maggio 2017 all'esito della prima analisi della posizione delle parti in un giudizio di divorzio.

Ordinanza che interviene subito dopo la sentenza n. 11504/17 della Corte di cassazione di cui richiama i principi e che segna un primo contributo per l'approfondimento del nuovo criterio guida affermato dai supremi giudici.

Dunque, il tribunale di Milano fissa la misura di reddito sopra la quale il coniuge non ha diritto al mantenimento perché è indipendente economicamente e può farcela da solo.

Non ha più diritto a percepire il mantenimento l'ex moglie che guadagna all'incirca mille euro al mese, per un totale di 11.528,41 euro all'anno.

Perché proprio mille?

Perché tale è la soglia per ottenere il gratuito patrocinio, il beneficio per chi ha un reddito insufficiente a tirare avanti e sotto il quale può chiedere un avvocato a spese dello Stato.

Secondo la giurisprudenza detto limite può essere usato a parametro per definire quando il coniuge ha diritto all'assegno di divorzio.

È questo l'importantissimo chiarimento che completa la riforma iniziata lo scorso 10 maggio con l'ormai storica sentenza della Cassazione secondo cui il mantenimento all'ex moglie non deve più garantire il medesimo tenore di vita che la coppia aveva durante il matrimonio, ma l'autosufficienza economica .

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca