Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità

1. Coniuge divorziato - Condizioni per ottenere la pensione di reversibilità
2. Pensione di reversibilità quando l'ex coniuge titolare si era risposato
3. I criteri per stabilire la quota spettante della pensione di reversibilità ai due coniugi aventi diritto

Coniuge divorziato - Condizioni per ottenere la pensione di reversibilità

Il coniuge divorziato ha diritto, alla morte dell'ex coniuge, alla pensione di reversibilità, come prevede l'articolo 9 della legge numero 898 del 1970.

Per ottenere la pensione di reversibilità, è necessario che:

  1. il coniuge superstite sia titolare di un assegno divorzile;
  2. il coniuge superstite non sia passato a nuove nozze;
  3. il rapporto di lavoro da cui trae origine il trattamento pensionistico sia anteriore alla sentenza di divorzio.

Pensione di reversibilità quando l'ex coniuge titolare si era risposato

Cosa succede se l'ex coniuge deceduto si era nuovamente sposato?

In questo caso si ha un concorso tra il coniuge divorziato ed il nuovo coniuge superstite.

Entrambi hanno diritto ad una parte della pensione di reversibilità, fermi restando per il coniuge divorziato i requisiti sopra indicati.

Come si stabilisce la quota spettante all'uno ed all'altro coniuge?

Per stabilire la quota, è necessario presentare un ricorso in Tribunale. Sarà il giudice a stabilire la quota spettante ai coniugi superstiti tenendo conto della durata del rapporto matrimoniale.



I criteri per stabilire la quota spettante della pensione di reversibilità ai due coniugi aventi diritto

La legge numero 898 del 1970 indica come criterio di determinazione della quota soltanto la durata del rapporto matrimoniale.

La giurisprudenza, tuttavia, per ottenere il risultato più equo possibile, ha  preso in considerazione anche altri criteri, quali, ad esempio, l’ammontare dell'assegno divorzile, le condizioni economiche dei soggetti interessati e perfino il periodo di convivenza prematrimoniale (Cassazione, sentenza  numero 2092 del 31 Gennaio 2007; Cassazione, sentenza numero 18199 del 18 agosto 2006).

Per porre una domanda su divorzio e pensione di reversibilità, accedi al forum. Clicca qui.

14 settembre 2010 · Antonella Pedone

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , ,

famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità . Clicca qui.

Stai leggendo Divorzio - il diritto dell'ex coniuge alla pensione di reversibilità Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 14 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca