Divorzio e assegno divorzile

L’assegno divorzile è previsto dall’articolo 5 della legge sul divorzio n. 898 del 1970.

Il presupposto per applicare l’assegno divorzile ricorre quando un coniuge (o meglio ex coniuge) non ha mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive.

Qualora vi sia questo presupposto, il Tribunale disporrà che il coniuge “forte” versi a favore dell’altro un assegno per il suo mantenimento.

Come si quantifica tale assegno?

In base alla legge, i criteri a cui fare riferimento sono i seguenti:

  1. condizioni dei coniugi
  2. ragioni del divorzio
  3. contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ciascuno o di quello comune
  4. reddito di entrambi
  5. durata del matrimonio

L’assegno  divorzile ha diverse funzioni, ovvero:

1) funzione assistenziale. Esso cioè vuole evitare che il divorzio sia causa del peggioramento dello stile di vita di uno dei coniugi.

2) funzione risarcitoria. Esso tende a risarcire i danni che siano derivati ad un coniuge a causa della rottura del rapporto matrimoniale. Devono quindi essere considerate le ragioni della crisi coniugale.

3) funzione compensativa. Esso cioè tende a ripagare i coniugi  in considerazione degli apporti prestati alla conduzione familiare.

L’assegno divorzile ha, quindi, presupposti e funzioni diverse rispetto all’assegno di mantenimento stabilito in sede di separazione.

Il primo, infatti, presuppone lo scioglimento del matrimonio e prescinde dagli obblighi di mantenimento e di alimenti, operanti in regime di convivenza e di separazione.

La misura dell’assegno di mantenimento determinata in sede di separazione è, pertanto, del tutto irrilevante in sede di divorzio (Cassazione sentenza del 09.05.2002 n. 6641).

Bisogna poi ricordare che secondo l’articolo 5 della legge 898/70, “l’obbligo di corresponsione dell’assegno cessa se il coniuge, al quale deve essere corrisposto, passa a nuove nozze”.

La ragione di tale disposizione è evidente: la funzione assistenziale dell’assegno di divorzio viene meno ogni qualvolta il coniuge beneficiario contragga un nuovo matrimonio, proprio perché in questa ipotesi i medesimi doveri di solidarietà morale ed economica sorgono in capo al nuovo coniuge.

Per porre una domanda su divorzio e assegno divorzile, accedi al forum. Clicca qui.

Per ulteriori approfondimenti su divorzio e assegno divorzile, consulta questa sezione.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Divorzio e assegno divorzile Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il 13 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il 2 marzo 2013 Classificato nelle categorie famiglia monoparentale e di fatto - diritto separazione e divorzio Etichettato con tag , . Archiviato nella sezione origine dei debiti » famiglia lavoro e sostegno al reddito – isee iseeu nucleo familiare e famiglia anagrafica » famiglia – separazione e divorzio Numero di commenti e domande: 0 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.

.