La nuova indennità di disoccupazione per i collaboratori diss-coll

Tutto ciò che il contribuente deve conoscere sulla nuova indennità di disoccupazione per i collaboratori, detta Diss-Coll.

DIS COLL, cosa vuol dire? L'acronimo sta per Indennità di disoccupazione per i lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa ed è istituita dall ‘art. 15 del Decreto n. 22/2015 di attuazione del Jobs act.

Si applica agli eventi di disoccupazione involontaria ( quindi non in caso di recesso dal contratto da parte del lavoratore) verificatisi nel corso del 2015. Viene prospettata un'eventuale estensione del nuovo istituto per gli eventi di disoccupazione successivi, in relazione al reperimento di ulteriori risorse finanziarie.

Dalla nuova indennità DIS COLL sono esclusi :

  • i titolari di partita IVA,
  • gli amministratori e i sindaci di società.

I requisiti per la nuova indennità sono posti dal comma 2, dell'art. 15 del Decreto.

Innanzitutto i lavoratori devono essere iscritti alla Gestione Separata INPS , come per l'indennità di disoccupazione attualmente in vigore ma, rispetto alla tutela vigente, si prevedono:

  • almeno tre mesi di contribuzione nell'anno precedente la perdita del lavoro e almeno 1 mese ( o un contratto di almeno un mese) nel 2015.
  • sono soppressi i requisiti del reddito massimo e della monocommittenza
  • si richiede lo stato di disoccupazione al momento di presentazione della domanda (anziché la sussistenza di un periodo ininterrotto di disoccupazione di almeno due mesi nell'anno precedente).

Va ricordato che il precedente regime di indennità una tantum per i collaboratori non poneva come condizione che la disoccupazione fosse involontaria, come, invece, richiede il comma 1 art. 15 del decreto n. 22/2015.

Inoltre l'erogazione della nuova indennità è ora subordinata alla permanenza dello stato di disoccupazione (comma 10).

I commi da 3 a 5 disciplinano i criteri di calcolo dell'indennità. Essi, a differenza del regime attuale, fanno riferimento al reddito derivante dai rapporti di collaborazione coordinata e continuativa e sono analoghi a quelli introdotti dallo stesso decreto per la NASpI:

  • l'assegno è pari al 75% dell'ultima retribuzione, per la parte di compensi fino a 1.195 euro lordi;
  • per la quota che oltrepassa questa soglia, invece, si deve calcolare il 25%.

E'previsto comunque un tetto massimo di 1.300 euro lordi e la riduzione del 3% ogni mese e partire dalla quinta mensilità. Per i primi 4 mesi, si ha diritto a ricevere l'intero sussidio.

La Dis coll avrà una durata massima di sei mesi . La durata è commisurata al periodo lavorato: cioè corrisposta per un numero di settimane pari alla metà di quelli lavorate nel periodo compreso tra il primo gennaio del 2014 e la data del licenziamento stesso.

Il periodo di fruizione della DIS-COLL comincia dall'ottavo giorno successivo alla cessazione del rapporto di lavoro o,in caso di domanda presentata successivamente , dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda.

Nel caso in cui il soggetto beneficiario trovi una nuova occupazione con contratto di lavoro subordinato di durata superiore a 5 giorni, il diritto alla DIS-COLL decade. Se il contratto di lavoro subordinato è inferiore a 5 giorni, la DIS-COLL viene sospesa e riprende a decorrere dopo la fine del contratto.

La nuova DIS COLL sostituisce, per il solo anno 2015, l'attuale forma di tutela contro la disoccupazione per i collaboratori coordinati e continuativi. La precedente forma di tutela resta confermata per gli eventi di disoccupazione verificatisi entro il 2014 ( il testo riporta 2013 probabilmente per un errore materiale) e riprenderebbe nel 2016, fatta salva appunto l'ipotesi alternativa di estensione temporale della DIS-COLL con nuovi finanziamenti.

E' già in vigore dal 1 gennaio 2015 e fino al 31.12.2015 . Ad oggi mancano tuttavia le indicazioni dell'INPS sulle modalità di presentazione delle domande e il modulo di iscrizione.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la nuova indennità di disoccupazione per i collaboratori diss-coll. Clicca qui.

Stai leggendo La nuova indennità di disoccupazione per i collaboratori diss-coll Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 20 marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sostegno al reddito - contributi incentivi pensione di inabilità e assegno di invalidità - assegno familiare e per il nucleo familiare - indennità di disoccupazione Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca