Disoccupati e rimborsi fiscali » un mese per sfuggire all'inganno

Dal 22 agosto 2013 è entrata in vigore la norma del decreto del Fare che rende possibile recuperare i crediti Irpef nei confronti dello Stato in tempi rapidi, compilando cioè per la dichiarazione dei redditi relativi al 2012 il modello 730 anziché il modello Unico, come è avvenuto finora. Qual è il vantaggio?

Prima dell'entrata in vigore della norma, presentando l'Unico, il disoccupato senza nuovo impiego avrebbe dovuto aspettare almeno due anni prima di incassare eventuali rimborsi fiscali, dovendosi sottoporre a lunghe e inutili lungaggini burocratiche.

Con il 730, invece, i tempi si accorciano nettamente, scendendo a un paio di mesi.

Grazie a questa novità, si è potuta dare una boccata di ossigeno chi stava annegando nella disperazione della disoccupazione.

Il provvedimento però è stato sfruttato ancora da pochi aventi diritto, come denunciano i centri di assistenza fiscale.

Nella finestra che si è aperta dal 2 al 30 settembre per usufruire di questa possibilità, i Caf hanno elaborato solo 120mila pratiche, un terzo delle 400mila potenziali.

Pochissime.

Troppo poco il tempo e troppi gli aventi diritto.

Inoltre, ha influito anche il fatto che la notizia di questa nuova disposizione sia arrivata a ridosso del mese di agosto, e quindi può darsi che pochi contribuenti abbiano avuto l'informazione e si siano attivati già a inizio settembre.

Perciò, avvertono dalla consulta del Caf, continueranno a elaborare il 730 anche oltre la scadenza annunciata del 30 settembre, in considerazione del termine ultimo fissato per la trasmissione telematica delle pratiche all'Agenzia delle Entrate da parte dei Caf, che è il 25 ottobre, allargando quindi la finestra per il 730 anti crisi.

Oltre ai Caf ci si può rivolgere anche a intermediari abilitati alla compilazione e all'invio del 730, come consulenti del lavoro, commercialisti e patronati.

Possono compilare il 730 invece dell'Unico solo coloro che hanno perso il lavoro nel 2012 senza trovarne un altro e che quindi non hanno più il sostituto d'imposta che gli versi il rimborso in busta paga.

Anche chi ha già compilato l'Unico può ripresentare la dichiarazione usando il 730, facendosi annullare l'Unico dal Caf o dal professionista che ne ha effettuato l'invio.

2 ottobre 2013 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su disoccupati e rimborsi fiscali » un mese per sfuggire all'inganno. Clicca qui.

Stai leggendo Disoccupati e rimborsi fiscali » un mese per sfuggire all'inganno Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 2 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 aprile 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca