Diffida ad adempiere - come deve essere redatta

La diffida ad adempiere deve:

  • essere contenuta in un atto scritto;
  • contenere l'intimazione di adempiere entro un certo termine;
  • il termine deve essere congruo;
  • di regola il termine non può essere inferiore a 15 giorni;
  • un termine inferiore può risultare congruo solo laddove sia frutto di un patto delle parti, ovvero discenda dalla natura del contratto o dagli usi;
  • contenere l'avvertimento che in mancanza di adempimento entro il termine fissato il contratto si intenderà risolto di diritto;
  • produce la risoluzione di diritto del contratto una volta decorso il termine in assenza di adempimento.

La diffida ad adempiere è, dunque, uno strumento a disposizione del contraente non inadempiente, che ha in questo modo la possibilità di risolvere il contratto automaticamente, senza ricorrere al giudice e che si differenzia in modo sostanziale dalla messa in mora del debitore e che non sono tra loro collegate o consequenziali.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su diffida ad adempiere - come deve essere redatta.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.