Inesistenza giuridica della notifica diretta » CTP di Bari, sentenza del 14 luglio 2010, numero 110

“Il concessionario della riscossione, ha rivendicato la legittimità della notifica della cartella di pagamento effettuata direttamente a mezzo del servizio postale, atteso che la stessa è stata eseguita secondo la prescrizione di cui all'articolo 26 del DPR 602/73 (la notifica può essere eseguita anche mediante raccomandata con avviso di ricevimento...).

Tanto non può essere condiviso da questo giudice atteso che l'assunto di Equitalia viene estrapolato da un capoverso - 1° comma del citato articolo 26 - che rappresenta la prosecuzione del primo periodo, laddove specifica i soggetti abilitati ad eseguire le notifiche, ivi comprese quelle effettuate a mezzo del servizio postale. Consegue che, qualora la notifica viene effettuata a mezzo del servizio postale, la stessa deve essere eseguita dai soggetti abilitati e giammai direttamente dal concessionario della riscossione cosi come è avvenuto nel caso di cui si discute.

Consegue quindi che la cartella di pagamento deve essere notificata, secondo la previsione del primo comma dell'articolo 26 del DPR numero 602/73 dai soggetti abilitati menzionati nel primo periodo del predetto comma, che restano gli unici legittimati ad effettuare la notifica, i quali possono eseguirla, in alternativa alla consegna diretta, a mezzo posta con invio di raccomandata con ricevuta di ritorno secondo la previsione del secondo periodo del già citato comma 1 dell'articolo 26 DPR numero 602/73.

Ora, si è della convinzione nel caso che ci occupa, in presenza di notifica eseguita direttamente dal concessionario della riscossione, essendo stata omessa l'attività dei soggetti abilitati, la presunta notifica della cartella di pagamento altro non è che una semplice comunicazione effettuata dal soggetto tenuto al recupero del credito, con la conseguenza che la stessa esorbita dallo schema legale degli atti di notifica, rendendo così la notifica inesistente”

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su inesistenza giuridica della notifica diretta » ctp di bari, sentenza del 14 luglio 2010, numero 110.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • giulia 28 marzo 2011 at 14:27

    è possibile avere una copia della sentenza
    Commissione Tributaria Provinciale di Bari, sentenza del 14 luglio 2010, n. 110
    grazie.

    • cocco bill 28 marzo 2011 at 15:46

      Ciao Giulia. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "fisco tasse e contributi" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 2