Esattori recupero crediti - Imbarazzo o intimidazione tramite altre persone

Gli esattori di recupero crediti non possono minacciare, molestare, rendere nota ad altri la vostra situazione debitoria. In particolare, non possono:

  • minacciare o molestare il vostro coniuge, partner, familiare o altra persona a voi legata;
  • effettuare un contatto non autorizzato con un minore di anni 18;
  • parlare ad altri della vostra situazione (tra cui familiari, vicini di casa o colleghi di lavoro);
  • tenere una condotta che attira l'attenzione del pubblico alla vostra situazione (es. inviare lettere aperte ad una casella postale in comune, lasciare messaggi che altri possono ascoltare, far sapere ai vostri colleghi di lavoro la loro identità o lo scopo del loro incarico.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su esattori recupero crediti - imbarazzo o intimidazione tramite altre persone.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • michelare 14 novembre 2014 at 11:12

    Sono stata utente Telecom per 24 mesi con molti problemi dovuti all'incompetenza che mi ha lasciato per più di 1 mese senza telefono in quanto non riuscivano nella configurazione.

    Ho pagato sempre tutte le fatture. Per tutte le comunicazione venivo contattata al numero di cellulare che avevo fornito e firmato per la Privacy.

    Alla scadenza del contratto ho cambiato operatore telefonico.

    Premessa: io vivo in trasferta da 20 anni in un'altra città, tutte le comunicazioni le ricevo al mio domicilio o al mio cellulare.

    Dopo 2 mesi dalla cessazione del servizio Telecom è arrivata una telefonata a casa dei miei genitori (numero fisso) da una persona che dichiarava di essere di un ufficio amministrativo di Roma dicendo se Michela abitava li, loro hanno detto di no e hanno chiesto che cosa era successo, la persona che ha chiamato ha lasciato un numero di telefono e ha chiesto di dirmi di contattare prima possibile.

    I miei genitori si sono subito allarmati pensando al peggio! Se ne sentono molte e ricevere una telefonata del genere li ha veramente agitati.

    Mi hanno chiamato al cellulare, ho cercato di calmarli dicendo che non ne avevo idea ma che avrei chiamato subito.

    Ho chiamato il numero dicendo di essere stata contattata ma di non sapere il mittente della chiamata ne la motivazione, non volevano dirmi nulla fino a quando io non avessi fornito le mie generalità.

    Già questo mi è sembrato assurdo! Tu mi cerchi, io chiamo e devo dirti io chi sono?!?

    Comunque alla fine mi hanno passato l'operatrice che aveva chiamato casa mia, ho chiesto la motivazione e mi ha detto che era dovuta ad una morosità per la Telecom.

    A me non tornava perché l'ultima fattura che avevo ricevuto l'avevo pagata, ho chiesto dettagli e mi hanno detto che era stata emessa un'ulteriore fattura a chiusura del contratto.

    Ho chiesto perché non mi hanno mai contattato al numero di cellulare o all'email che avevo dato alla Telecom la risposta è stata ... noi possiamo cercare dove vogliamo perché il nostro metodo di lavoro è questo! Ho fatto degli incroci e ho trovato il numero dei suoi genitori!

    Quando ho detto che il numero al quale aveva chiamato non era il mio e che aveva creato agitazione in 2 persone anziane di cui una anche malata la risposta è stata ...che problemi posso aver creato? se si sono agitati non vedo il motivo!

    Mi sono fatta dare (a fatica) il numero dell'operatore.

    Ho chiamato la Telecom per chiedere conferma dei miei riferimenti mi hanno detto che hanno solo il mio cellulare.

    Ho comunicato via email a questa azienda di recuperatori che sto verificando gli importi in fattura non appena terminate le verifiche con Telecom.

    La mia domanda è: possono contattarmi ad un numero che io non ho fornito?

    • Annapaola Ferri 14 novembre 2014 at 11:53

      Diciamo subito che quanti lavorano per le società alle quali viene assegnato il compito di recuperare un credito, per cessione o affidamento in gestione, possono fare tutti gli incroci che vogliono, se ciò li gratifica facendoli credere dei novelli Tom Ponzi; ma, certamente, non possono contattare i genitori, né gli amici, né i parenti o gli affini, né i vicini di casa, né i datori o colleghi di lavoro del debitore. A tutela del debitore leso nella privacy la legge mette a disposizione tutta una serie di strumenti a cui abbiamo dedicato una specifica sezione del blog: Tutela del debitore e della sua privacy, difesa dai creditori – consigli a cui si rimanda per gli eventuali necessari approfondimenti.

      Si tratta di azioni che non necessitano dell'assistenza di avvocati o procuratori legali, nè esborsi in denaro rilevanti se non quelli necessari all'inoltro di qualche raccomandata AR. Ma, è bene chiarirlo subito, richiedono determinazione e tempo da dedicare alla questione, se viene intesa, come correttamente dovrebbe essere, nel contesto di un principio di cui si esige il rispetto. Tempo che spesso il debitore, anche solo presunto tale, non ha ha disposizione, in tempi frenetici, stressanti e di crisi come quelli attuali in cui viviamo.

      Perché si verificano questi incidenti incresciosi, perché la temeraria, e maleducata, operatrice del contact center si permette, con stupida ignoranza, di replicare al soggetto che reclama il rispetto della propria privacy affermando che noi possiamo cercare dove vogliamo perché il nostro metodo di lavoro è questo! Ho fatto degli incroci e ho trovato il numero dei suoi genitori!?

      Le società di recupero crediti, in questi tempi di crisi di offerta di lavoro, possono permettersi il lusso di assumere, anche laureati (spesso pretendono la laurea come requisito minimo, addirittura), a provvigioni da fame (non stipendi, ma percentuali sul recuperato che girano intorno allo zero virgola). Non investono neanche un cent in formazione (e perché dovrebbero farlo) e quindi figuriamoci se si piccano di fornire agli addetti al contact center l'abc delle regole vigenti sulla privacy del soggetto contattato. Quello che conta è portare a casa la misera provvigione per sé stessi ed il lauto guadagno al datore di lavoro.

      Questo è il profilo generale dell'addetto al contact center presso una società di recupero crediti di oggi. Tutto ciò solo per spiegarle il contesto in cui è maturato l'episodio che l'ha coinvolta, offendendola. La signora o signorina cui piace darsi arie da investigatrice navigata (la sera passerà il suo tempo, forse, a guardare affascinata le serie di "Criminal intent" o di "Rizzoli e isles" come del resto faccio anche io) continuerà a comportarsi a questo modo, violando leggi e dando dimostrazione di cattiva educazione e di crassa ignoranza, fino a quando troverà un debitore, o presunto tale, che, inviando, ad esempio, con raccomandata A/R una diffida al datore di lavoro e segnalando il caso con minaccia di seguire vie legali, farà in modo da insegnarle quali sono i metodi leciti di lavoro che bisogna adottare.

      Ecco, se vuole adesso, e dopo la lettura di qualche ulteriore paginetta del blog, sa come compiere due opere buone: quella di offrire un contributo educativo alla signora/signorina con cui ha parlato e quella di evitare che un'altro soggetto riviva, almeno con la stessa operatrice, la medesima amara, desolante ed irritante esperienza.

    1 20 21 22