Detrazioni fiscali per l'arredo di immobili ristrutturati ed interventi di riqualificazione energetica

Vediamo quali sono le detrazioni fiscali per l'arredo di immobili ristrutturati ed interventi di riqualificazione energetica.

Per la detrazione per le spese relative a interventi di ristrutturazione edilizia e di recupero del patrimonio edilizio è stata confermata al 50% con limite di spesa pari a 96.000 euro. La detrazione sale al 65% nel caso di interventi relativi all'adozione di misure antisismiche su edifici siti in zone sismiche considerate ad alta pericolosità.

Per quanto riguarda le spese sostenute per l'arredo di immobili ristrutturati, invece, questa detrazione è fissata nella misura del 50% e per un importo massimo di spesa sostenuta pari a 10.000 euro, da ripartire in 10 quote annuali. Le spese per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici possono essere detratte indipendentemente dall'ammontare speso per i lavori di ristrutturazione.

Infine, per la detrazione per gli interventi di riqualificazione energetica, la percentuale di detrazione spettante è pari al 65%: da quest'anno decade l'obbligo di inviare la comunicazione all'Agenzia delle Entrate per i lavori che proseguono per più periodi d'imposta, con riferimento alle spese sostenute nel 2015 in relazione a lavori che proseguiranno nel 2016.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su detrazioni fiscali per l'arredo di immobili ristrutturati ed interventi di riqualificazione energetica.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.