Dichiarazione dei redditi – detrazioni spese istruzione, funebri, asili nido ed altro

Detrazioni per spese per istruzione

Sono detraibili,  nella misura del 19 per cento, le spese sostenute  per la frequenza di corsi di istruzione secondaria, universitaria, di perfezionamento e/o di specializzazione universitaria, tenuti presso istituti o università italiane o straniere, pubbliche o private, in misura non superiore a quella stabilita per le tasse e i contributi degli istituti statali italiani.

Detrazioni per premi di assicurazione

Sono detraibili,  nella misura del 19 per cento,  le spese sostenute:
- per i contratti stipulati o rinnovati sino al 31 dicembre 2000, i premi per le assicurazioni sulla vita e contro gli infortuni, anche se versati all’estero o a compagnie estere. La detrazione relativa ai premi di assicurazione sulla vita è ammessa a condizione che il contratto abbia durata non inferiore a cinque anni e non consenta la concessione di prestiti nel periodo di durata minima;

- per i contratti stipulati o rinnovati a partire dal 1° gennaio 2001, i premi per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte, di invalidità permanente superiore al 5% (da qualunque causa derivante), di non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani. Solo in quest’ultimo caso la detrazione spetta a condizione che l’impresa di assicurazione non abbia facoltà di recedere dal contratto.

L’importo non deve, complessivamente, superare euro 630.

Detrazioni per spese funebri

Sono detraibili,  nella misura del 19 per cento,  le spese funebri sostenute in dipendenza della morte di familiari quali:

  • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato;
  • i figli, anche se naturali riconosciuti, adottivi, affidati o affiliati;
  • i seguenti altri familiari:

- il coniuge legalmente ed effettivamente separato;

- i discendenti dei figli;

- i genitori e gli ascendenti prossimi, anche naturali;

- i genitori adottivi;

- i generi e le nuore;

- il suocero e la suocera;

- i fratelli e le sorelle, anche unilaterali.

La detrazione spetta anche se il familiare non è a carico. L’importo, riferito a ciascun decesso, non può superare  euro 1.549,37. Tale limite continua a valere anche se più soggetti concorrono alla spesa.

Detrazioni per spese per attività sportive praticate dai ragazzi

Sono detraibili, nella misura del 19 per cento,  le spese – per un importo non superiore per ciascun ragazzo a euro 210,00 – sostenute per l’iscrizione annuale e l’abbonamento, per i ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni, ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Dichiarazione dei redditi – detrazioni spese istruzione, funebri, asili nido ed altro Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il 27 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il 30 marzo 2014 Classificato nelle categorie dichiarazione redditi Etichettato con tag , , , . Archiviato nella sezione origine dei debiti » dichiarazione dei redditi tasse tributi e contributi » dichiarazione dei redditi Numero di commenti e domande: 8 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere loggato per poter inserire un commento o un quesito.
  • Carla Benvenuto 1 settembre 2013 at 09:26

    Con il decreto legge varato dal governo il 28 agosto 2013, è stato abbassato il tetto di detraibilità delle polizze vita: a 630 euro per il periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2013; a 230 euro per quello 2014.

1 2 3 4

.