Parere dell'Agenzia delle entrate si deducibilità IRPEF assegno di mantenimento per il coniuge separato

Per quanto attiene alla disciplina civilistica, l'articolo 156 del codice civile, applicabile anche ai casi di separazione consensuale, stabilisce che il giudice, pronunciando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione, il diritto di ricevere dall'altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri.

La norma sopra richiamata non prevede espressamente, per l'assegno di mantenimento da corrispondere in caso di separazione, l'adeguamento automatico agli indici Istat. Secondo la giurisprudenza della Corte di Cassazione il meccanismo di rivalutazione Istat, previsto espressamente dall'articolo 5, comma 4, della legge 1° dicembre 1970, numero 898 per l'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge in caso di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, è applicabile anche all'assegno di mantenimento da corrispondere in caso di separazione.

In altri termini, ad avviso della Suprema Corte, anche in caso di separazione, il giudice deve stabilire un criterio di adeguamento automatico per l'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge, ai sensi dell'articolo 156 del codice civile (Cass. 2004 numero 15101; 1999 numero 13610; 1995 numero 13131), anche in assenza di domanda di parte e senza obbligo di motivazione, in misura almeno pari agli indici Istat, salvo i casi di palese iniquità, che richiedono, invece, specifica motivazione.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su parere dell'agenzia delle entrate si deducibilità irpef assegno di mantenimento per il coniuge separato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • di giacomo sebastiano 23 febbraio 2011 at 18:22

    vi chiedo , siccome sono un dipendente statale , con un reddito di 1800,00 eruo netto mensili e un reddito di 28000,00 euro lordi annui circa , ponendo il caso che al mese paghi una rata di euro 516,00 di mantenimento per la ex moglie e un figlio , quando mi spetterebbe pagare rivalutando il tutto con il codice istat.