La deducibilità nella dichiarazione dei redditi è limitata all'assegno di mantenimento per il coniuge separato (non si estende a quello per i figli)

In primo luogo il mantenimento deve essere destinato al coniuge (o ex coniuge nel caso di divorzio). Le somme relative al mantenimento dei figli, infatti, non sono deducibili.

In secondo luogo è necessario che il mantenimento sia espressamente previsto dal provvedimento del giudice. Le somme che uno dei due coniugi eventualmente versa di sua spontanea volontà, magari in aggiunta a quelle stabilite dal giudice, non possono essere dedotte dal reddito.  In proposito l'Agenzia delle Entrate ha precisato che non sono deducibili le maggiori somme corrisposte a seguito dell'adeguamento ISTAT dell'assegno di mantenimento della moglie, se l'obbligo di adeguamento non è previsto dal provvedimento del giudice che ha fissato l'importo dell'assegno (Agenzia delle Entrate, risoluzione dell'11 Giugno 2009 numero 153 e risoluzione dell'19 novembre 2008, n° 448/E).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la deducibilità nella dichiarazione dei redditi è limitata all'assegno di mantenimento per il coniuge separato (non si estende a quello per i figli).

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.