Dichiarazione dei redditi - Detrazioni, scadenze, obblighi [Commento 1]

  • daniela 25 aprile 2009 at 17:39

    Buongiorno io ho già spedito il messaggio ma probabilmente avrò sbagliato qualcosa.
    Comunque ve lo riscrivo,sono una mamma di un bambino pensionato civile percepisce un assegno di circa 200,00€,vorrei sapere se sul mio 730 per quest'anno devo dichiararlo dato che l'anno scorso non era previsto.Grazie anticipatamente.

    • weblog admin 25 aprile 2009 at 20:06

      Daniela, il messaggio dovrebbe inserirlo, per ottenere risposta, in questa sezione.

    • Anonimo 16 giugno 2009 at 11:16

      ho un reddito di 7,059.00 nel 2008. HO SOLO UN PERMESSO DI SOGGIORNO E NON LA CARTA DI SOGGIORNO. DEVO FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI? DARL

    • weblog admin 16 giugno 2009 at 11:27

      Anonimo, non è obbligato a presentare la dichiarazione dei redditi chi nell'anno 2008 ha posseduto:

      • un reddito complessivo, al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 8.000,00 nel quale concorre un reddito di lavoro dipendente o assimilato con periodo di lavoro non inferiore a 365 giorni e il sostituto d'imposta non ha operato ritenute;
      • un reddito complessivo, al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre un assegno periodico corrisposto dal coniuge ad eccezione di quello relativo al mantenimento dei figli;
      • un reddito complessivo, al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.500,00 nel quale concorre un reddito di pensione con periodo di pensione non inferiore a 365 giorni e il sostituto d'imposta non ha operato ritenute;
      • un reddito complessivo, al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 7.750,00, nel quale concorre un reddito di pensione con periodo di pensione non inferiore a 365 giorni e il soggetto ha un'età pari o superiore a 75 anni e il sostituto d'imposta non ha operato ritenute;
      • un reddito complessivo, al netto dell'abitazione principale e relative pertinenze, non superiore a euro 4.800,00 nel quale concorre uno dei redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro (es. compensi percepiti per l'attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal Servizio sanitario nazionale, redditi derivanti da attività commerciali non esercitate abitualmente, redditi derivanti da attività di lavoro autonomo non esercitate abitualmente);
      • solo redditi di lavoro dipendente (anche se corrisposti da più soggetti ma certificati dall'ultimo sostituto d'imposta che ha effettuato il conguaglio) e reddito dei fabbricati, derivante esclusivamente dal possesso dell'abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);
      • solo redditi da pensione per un ammontare complessivo non superiore a euro 7.500,00, goduti per l'intero anno, ed eventualmente anche redditi di terreni per un importo non superiore ad euro 185,92 e dell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e relative pertinenze;
      • solo redditi fondiari (terreni e/o fabbricati) per un ammontare complessivo non superiore a euro 500,00;
      • solo redditi di lavoro dipendente o di pensione corrisposti da un unico sostituto d'imposta obbligato ad effettuare le ritenute di acconto ed eventualmente redditi di fabbricati derivanti esclusivamente dal possesso dell'abitazione principale e di sue eventuali pertinenze;
      • solo redditi esenti (ad es. rendite erogate dall'Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, talune borse di studio, pensioni di guerra, pensioni privilegiate ordinarie corrisposte ai militari di leva, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell'Interno ai ciechi civili, ai sordomuti e agli invalidi civili, sussidi a favore degli hanseniani, pensioni sociali e compensi per un importo complessivamente non superiore a euro 7.500,00 derivanti da attività sportive dilettantistiche);
      • solo redditi di lavoro dipendente corrisposti da più soggetti, se ha chiesto all'ultimo datore di lavoro di tener conto dei redditi erogati durante i precedenti rapporti e quest’ultimo ha effettuato conseguentemente le operazioni di conguaglio;
      • solo redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa compresi i lavori a progetto intrattenuti con uno o diversi sostituti d'imposta, se interamente conguagliati, ad eccezione delle collaborazioni di carattere amministrativo-gestionale di natura non professionale rese in favore di società e associazioni sportive dilettantistiche;
      • solo redditi dei fabbricati derivanti esclusivamente dal possesso dell'abitazione principale e di sue eventuali pertinenze (box, cantina, ecc.);
      • solo redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta (ad es. redditi derivanti da attività sportive dilettantistiche per un importo fino a euro 28.158,28; interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili);
      • solo redditi soggetti ad imposta sostitutiva (ad es. interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico).

    • Stefano 16 giugno 2009 at 14:50

      il fatto che tu sia o meno italiano o straniero non fa differenza.
      La dichiarazioneè dovuta se il tuo saldo d'imposta è a debito.
      Tuttavia è tua facoltà (pur non essendoci obbligo) di presentare la dichiarazione per poter vantante un eventuale credito.
      Il tuo reddito, essendo stato piuttosto esiguo, dovrebbe esonerarti dalla dichiarazione, ma ci sono una serie di variabili da considerare.
      Intanto va visto se hai diritto alle detrazioni per lavoro dipendente e a quale periodo vadano rapportate (giorni di lavoro) e se hai subito delle trattenute alla fonte.
      Se così, infatti, potresti fare la dichiarazione per avere un rimborso d'imposta, anche nell'eventualità che tu abbia dei familiari a carico (i quali posso anche trovarsi nel tuo Paese d'origine).
      Insomma, Darl, le variabili sono molte e non è possibile fornirti una risposta. E' il caso che tu ti rivolga ad un CAF.

    • Stefano 16 giugno 2009 at 14:59

      Daniela, l'anno scorso non hai dovuto dichiarare il reddito di tuo figlio semplicemente perché quello derivante da invalidità civile non è imponibile.
      Non solo quindi non dovrai inserirlo nemmeno quest'anno, ma non dovrai farlo mai, nemmeno per il futuro.
      Ovviamente ciò ti consente di poter usufruire anche delle detrazioni per figlio a carico (maggiorate per figlio disabile nell'eventualità che questi sia stato riconosciuto anche a norma della legge 104/92).

1 2 3 13

Torna all'articolo