Il nuovo modello precompilato per la dichiarazione dei redditi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

L'esecutivo da l'ok ai nuovi moduli per la dichiarazione dei redditi, che saranno precompilati: si partirà ad aprile 2015. Andrà in disuso il vecchio modello 730.

Fisco, dichiarazione dei redditi precompilata entro aprile 2015. Dall'anno successivo verranno inserite anche le detrazioni. La riforma per trenta milioni di pensionati e lavoratori dipendenti.

Avete sentito bene, questa volta si cambia davvero. Dal prossimo anno, infatti, tutti i contribuenti non saranno più tenuti ad effettuare le dichiarazioni dei redditi, perché la riceveranno a casa già precompilata dall'Agenzia delle Entrate.

È questo il principio cardine del nuovo 730 a domicilio: un'operazione per ridurre il rischio evasione, il pericolo di controlli e, di conseguenza, tutti i costi dei giudizi in Commissione tributaria.

L'Agenzia delle Entrate compilerà, in modo personalizzato, per ogni contribuente, basando i propri dati sulla base delle informazioni disponibili nell'anagrafe tributaria, i dati provenienti da soggetti terzi (per esempio, le banche) e contenuti nelle certificazioni rilasciate dai sostituti d'imposta con riferimento ai redditi di lavoro dipendente e assimilati, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi.

Saranno dunque decisivi la dichiarazione dell'anno precedente e i versamenti effettuati, ciò che risulta a banche, assicurazioni ed enti previdenziali oltre che i compensi per attività occasionali di lavoro autonomo.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca