La detrazione delle spese mediche nella dichiarazione dei redditi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina.

Dichiarazione dei redditi - detrazioni per spese sanitarie

Non possono essere riportate nella dichiarazione dei redditi gli importi risarciti dal danneggiante o da altri per suo conto, nel caso di danni alla persona arrecati da terzi; nonché le spese sanitarie rimborsate a fronte di contributi per assistenza sanitaria versati dal datore di lavoro o ente pensionistico o dal contribuente a enti o casse con fine esclusivamente assistenziale, sulla base di contratti, accordi o regolamenti aziendali, e che, fino all'importo complessivo di 3.615,20 euro, non hanno contribuito a formare il reddito imponibile di lavoro dipendente.

Possono, invece, essere indicate le spese rimaste a carico del contribuente, come per esempio:

Per le spese sanitarie relative all'acquisto di medicinali, la detrazione spetta solo se la spesa è certificata da fattura o da scontrino fiscale ( "scontrino parlante") in cui devono essere specificati la natura e la quantità dei prodotti acquistati, il codice alfanumerico (identificativo della qualità del farmaco) posto sulla confezione del medicinale e il codice fiscale del destinatario.

Elenco delle spese sanitarie detraibili in sede di dichiarazione dei redditi

È possibile fruire della detrazione del 19 per cento delle spese sostenute per prestazioni chirurgiche, analisi, indagini radioscopiche e visite specialistiche. Ed inoltre per:

È possibile fruire della detrazione d'imposta del 19 per cento anche per le spese di assistenza specifica sostenute per:

Dichiarazione dei redditi e detrazioni per spese sanitarie - La documentazione da conservare

Quando nella dichiarazione dei redditi si procede alla detrazione delle spese sanitarie bisogna conservare gli attestati rilasciati dai percettori degli importi corrisposti. In particolare occorre conservare la seguente documentazione:

Detrazioni fiscali delle spese sanitarie per familiari non a carico

E' ammessa la detraibilità delle spese sanitarie  sostenute nell'interesse del familiare non fiscalmente a carico che risulta affetto da patologie esenti, la cui detrazione non ha trovato capienza nell'imposta lorda da questi dovuta.

L’ammontare massimo delle spese sanitarie sostenute per familiari non fiscalmente a carico non può superare 6.197,48 euro.

[embed width="440"

https://www.youtube.com/watch?v=wAUaga5Nu9A[/embed

[embed width="440"

https://www.youtube.com/watch?v=8OjP7-lljc4[/embed

21 agosto 2014 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

cerca