Devi comprare un'auto o una moto? Attento al bonus

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Nel decreto anticrisi pubblicato dalla Gazzetta ufficiale ci sono diverse novità per il settore auto, e gli incentivi, validi fino a dicembre 2009, partono da un minimo di 1.500 euro, fino ai 5.000 euro di sconto per le auto ecologiche.

Vediamoli uno per uno, perché - se è vero che il decreto ancora non è stato convertito in legge - è altrettanto vero che, dal momento della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, è in vigore.

Gli incentivi sono retroattivi: partono dal 7 febbraio e scadono il 31 dicembre del 2009. Gli sconti, quindi, sono già operativi.

Iniziando dal bonus di 1.500 euro, spieghiamo quindi che per ottenerlo serve la rottamazione di un'auto immatricolata fino al 31 dicembre 1999, che sia Euro 0, 1 o 2; e l'acquisto di un nuovo veicolo Euro 4 o 5 con emissioni inferiori a 140 G/Km (se a benzina) e a 130 G/Km (se a gasolio). Senza limitazioni di emissioni, si potrà avere poi un incentivo di 2.500 euro per i veicoli commerciali leggeri.

Per le vetture alimentate a GPL, metano, idrogeno ed elettriche, ci saranno poi bonus anche senza rottamare un vecchio veicolo. Nel dettaglio, l'incentivo è di 1.500 euro (per le auto con emissioni maggiori di 120 g/Km di CO2); e 3.500 euro (con emissioni inferiori a 120 g/Km di CO2). Mentre per le auto alimentate a Gpl è previsto un bonus 1.500 euro (con emissioni maggiori di 120 g/Km di CO2); e 2.000 euro (con emissioni minori di 120 g/Km di CO2).

Per tutte le auto ecologiche, l'incentivo in caso di acquisto si cumula con i 1.500 euro previsti per la rottamazione; quindi il possibile sconto arriva fino a 5.000 euro.

Infine, arrivano anche 500 euro di contributo per la trasformazione delle auto a benzina in Gpl; e 600 euro per la conversione in un impianto a metano.

Non sono stati accantonati gli aiuti per scooter e moto, che ammonteranno a 500 euro in caso di rottamazione per motorini e motocicli Euro 0 e Euro 1, in cambio di una nuova due ruote Euro 3 fino a 400 di cilindrata.

È scomparsa, invece, l'esenzione dal bollo per 3 anni di cui si era parlato nei giorni scorsi. Si è cercato evidentemente di rafforzare l'entità del Bonus su auto e moto per renderlo più "visibile".

di Martina Aureli

16 febbraio 2009 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • luca 9 novembre 2009 at 21:50

    scusate,,che documenti servono per certificare il basso reddito,per poter richiedere il bonus per l'acquisto di un'autovettura nuova...????grazie!!!!

    • c0cc0bill 9 novembre 2009 at 21:52

      Bisogna comunque rottamare un'auto vecchia.