Altre detrazioni fiscali a favore dei contribuenti per il 2016

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui.

Esistono, poi, altri tipi di detrazioni fiscali per il 2016, non riconducibili né a interventi di riqualificazione energetica ne a ristrutturazioni o altre peculiarità immobiliari. Vediamole.

Sono detraibili le spese sostenute nel corso di ciascun anno dai genitori, documentate, per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido (sia comunali che privati) di bambini di età compresa tra i tre mesi e i tre anni. Il meccanismo è lo stesso dello scorso anno (l'agevolazione è stata prorogata), ovvero potranno beneficiare della detrazione solo i genitori, per ogni figlio naturale od adottato, affiliato o affidato.

La detrazione si applica in sede di dichiarazione dei redditi dell'anno per una quota del 19% delle spese per un massimo di 632 euro annui per ogni figlio (quota detraibile 120 euro).

Sono detraibili le spese sostenute per l'iscrizione annuale e abbonamento di ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni ad associazioni sportive, palestre, piscine ed altre strutture ed impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica.

La detrazione è del 19% delle spese per un importo non superiore a 210 euro.

Sono, inoltre, detraibili le spese di acquisto di medicinali con obbligo di prescrizione (ricetta da conservare insieme allo scontrino "parlante") oppure di fascia C (quelli detti "da banco", per i quali può bastare, oltre allo scontrino, un'autocertificazione); prodotti omeopatici (equiparati ai medicinali dal Ministero della sanità ); occhiali da vista, lenti a contatto e relativi liquidi; attrezzature sanitarie (aerosol, macchine per misurare la pressione, aghi, siringhe, etc.); apparecchi acustici, apparecchi ortopedici; prodotti veterinari; specialità elencate nel decreto del Ministero della sanità relative a mezzi ausiliari di un organo carente o menomato (esempio: pannoloni per incontinenti).

E' detraibile il 19% della spesa che eccede la franchigia di 129,11.

Per i farmaci veterinari, stante la suddetta franchigia, il massimo detraibile è 387,34 euro.

La novità in vigore dal 2008 è che per usufruire di questa detrazione ci si deve munire di una fattura o di uno scontrino riportanti la natura, qualità e quantità dei medicinali acquistati, oltre che il codice fiscale dell'acquirente (il cosiddetto "scontrino parlante" che dovrà essere specificatamente richiesto al farmacista fornendogli la tessera sanitaria).

Da sapere che dal 2010, grazie ad un intervento del garante della Privacy, gli scontrini non dovranno più menzionare il nome del farmaco ma il suo numero di autorizzazione all'immissione in commercio (AIC).

Dal 2013, inoltre, vi sono nuovi importi detraibili per i figli a carico, ovvero 950 euro per ciascun figlio, compresi i figli naturali riconosciuti, i figli adottivi o affidati. Se il figlio ha età inferiore a tre anni la detrazione aumenta a 1.220 euro. Se il figlio è portatore di handicap la detrazione aumenta di 400 euro.

Infine, per le famiglie con almeno quattro figli a carico è prevista una detrazione aggiuntiva rispetto a quelle già previste per i famigliari a carico dalla legge, cumulabile con le stesse.

La fruizione è possibile solo se i redditi dei figli non superano i 2.840,51 euro al lordo degli oneri deducibili.

La detrazione è di 1.200 euro da ripartirsi al 50% tra i genitori non separati. In caso di separazione o divorzio la detrazione spetta a ciascun genitore in proporzione agli affidamenti stabiliti dal giudice. Se un genitore è a carico dell'altro la detrazione spetta tutta intera a quest'ultimo.

3 febbraio 2015 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca