Denuncia di Altroconsumo alla Banca D'Italia e al ministro Tremonti per le lettere di rinegoziazione del mutuo secondo la Convenzione ABI Governo inviate dalle banche

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Nelle lettere inviate dalle banche ai mutuatari per la rinegoziazione del mutuo secondo la Convenzione ABI Governo non c'è traccia del piano di ammortamento del mutuo. Invece abbondano gli errori di calcolo e le omissioni. E non c'è corrispondenza tra quota capitale ancora da pagare e rata attuale. Inutile aggiungere che manca l‘ISC, (l'indicatore sintetico di costo), che fornisce il costo effettivamente pagato dal risparmiatore per tutta l'operazione.

I conti non tornano sulla trasparenza delle informazioni da parte dei più grossi gruppi bancari a un milione e 200 mila mutuatari italiani: Altroconsumo ha analizzato i contenuti delle lettere per la rinegoziazione dei mutui che sono arrivate ai consumatori da parte di Unicredit, Intesa San Paolo, UBI Banca, Monte Paschi, Popolare di Sondrio e Banca Toscana e ha deciso di presentare una denuncia alla Banca d'Italia e al ministero dell'Economia e delle Finanze. Le ragioni: mancata applicazione dell'accordo del giugno 2008, la cosiddetta "convenzione ABI Tremonti" e mancato rispetto della normativa sulla trasparenza bancaria del luglio 2003.

E' la stessa convenzione, all'articolo 5, che impone che la proposta sia effettuata nel rispetto della disciplina sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari, con modalità di comunicazione chiare e comprensibili.

Altroconsumo ribadisce: non accettare la proposta di rinegoziazione del mutuo della banca formulata in accordo alla Convenzione ABI Governo. Per l'associazione di consumatori questa è l'ultima spiaggia del mutuatario: con l'illusione di una rata d'importo inferiore ci si lega mani e piedi alla stessa banca per un periodo più lungo, a volte di oltre 25 anni. Altroconsumo invita a telefonare al numero verde 800.239.932 per valutare con i fogli di calcolo l'effettiva convenienza dell'ipotesi o percorrere la strada della surroga (cioé portare il proprio mutuo in un'altra banca a costi zero).

Nel dettaglio, ecco cosa non va nelle lettere delle banche: senza piano ammortamento sulla proposta dell'istituto oggi, è incomprensibile capire la reale data da pagare a partire da un dato momento e il capitale residuo di finanziamento, oltre all'evoluzione del tasso variabile dal momento della stipula del primo contratto. Non c'è chiarezza sul tasso a regime del mutuo e in alcune delle lettere manca qualunque riferimento al parametro di indicizzazione, alle modalità della sua rilevazione (ultimo giorno lavorativo, media del mese precedente) e allo spread. Indicazioni sul capitale residuo erano diverse rispetto a quelle usate per il calcolo della rata. Il motivo? Non si è tenuto conto dell'aumento dei tassi.

L'accordo siglato con la Convenzione Abi Governo era di per sé stonato. La sua esecuzione, da parte dei maggiori gruppi bancari, è di quart'ordine.

da Altroconsumo

23 settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • daniele. 9 maggio 2009 at 20:03

    salve,io nel 2002 ho comprato casa per 25anni per 125mila euro mutuo a tasso variabile,da 600 euro pagavo fino a mille euro grazie alla mia banca carige,ho dovuto vendere il solaio per 30 mila euro ,ora dovrei pagarne 650 ma da un anno non pago le rate,ho perso il lavoro sia io che mia moglie quanto tempo mi resta da quando la banca mi manderà la lettera dell avvocato? ho una figlia e sono pure invalido.

    • weblog admin 9 maggio 2009 at 20:16

      Daniele, dipende da banca a banca. Non è possibile farne una regola.

    1 10 11 12