La decorrenza dei termini di opposizione al decreto ingiuntivo

Entro quaranta giorni, oppure nei termini fissati dal giudice, il debitore destinatario del decreto ingiuntivo può presentare opposizione. L'opposizione tardiva, oltre le scadenze appena indicate, può essere accolta solo se il debitore prova di non avere avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo per irregolarità della notifica o per caso fortuito o forza maggiore.

In questo caso l'esecutorietà può essere sospesa su istanza del debitore.

In assenza dei presupposti appena indicati per proporre l'opposizione tardiva non è concesso al debitore alcuno strumento per sottrarsi all'esecuzione forzata del decreto ingiuntivo (salva l'ipotesi residuale di revocazione).

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la decorrenza dei termini di opposizione al decreto ingiuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo La decorrenza dei termini di opposizione al decreto ingiuntivo Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 16 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria decreto ingiuntivo opposizione a decreto ingiuntivo e al precetto opposizione ad esecuzione e agli atti esecutivi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info