Perfezionamento della notifica dell'atto

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

In tutte le ipotesi in cui si applica un termine decadenziale, è necessario prestare attenzione al momento in cui la notifica si considera perfezionata nei confronti dell'ente impositore, siccome può accadere che, sebbene il contribuente riceva l'atto a termini “decaduti”, la norma che prevede la decadenza sia stata comunque rispettata.

È principio consolidato, infatti, che la notifica, quale che sia la sua forma, si perfeziona:

  • per il notificante/ente impositore, con la consegna dell'atto all'agente notificatore;
  • per il notificatario/contribuente, al momento della ricezione.

Quindi, se il contribuente riceve un atto impositivo successivamente all'1.1.2011, i cui termini scadono il 31.12.2010, il termine di decadenza è rispettato se il provvedimento è stato consegnato all'agente notificatore (messo comunale, ufficiale della riscossione) entro il 31 dicembre.

Guardiamo, adesso, le varie tipologie di atti ed i rispettivi termini.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.