Il debitore ed il testo unico bancario (ipoteca, dbt, portabilità, cattivi pagatori, assegni e valuta)

Il debitore ed il testo unico bancario » Ipoteca, parziale liberazione ed estinzione

Le ipoteche a garanzia dei finanziamenti non sono assoggettate a revocatoria fallimentare quando siano state iscritte dieci giorni prima della pubblicazione della sentenza dichiarativa di fallimento. Così come non possono essere revocati pagamenti effettuati dal debitore fallito a fronte di crediti fondiari. I debitori, ogni volta che abbiano estinto [ ... leggi tutto » ]

Il debitore ed il testo unico bancario » Decadenza dal beneficio del termine per ritardi nel pagamento delle rate con risoluzione del contratto di mutuo o di finanziamento

La banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata. La risoluzione del contratto comporta [ ... leggi tutto » ]

Il debitore ed il testo unico bancario » Surrogazione nei contratti di finanziamento e portabilità del mutuo

In caso di contratti di finanziamento conclusi da intermediari bancari e finanziari, l'esercizio da parte del debitore della facoltà di surrogazione di cui all'articolo 1202 del codice civile non è precluso dalla non esigibilità del credito o dalla pattuizione di un termine a favore del creditore. Per effetto della [ ... leggi tutto » ]

Il debitore ed il testo unico bancario » Crediti fondiari e procedimento esecutivo

Nel procedimento di espropriazione relativo a crediti fondiari è escluso l'obbligo della notifica del titolo contrattuale esecutivo. L'azione esecutiva sui beni ipotecati a garanzia di finanziamenti fondiari può essere iniziata o proseguita dalla banca anche dopo la dichiarazione di fallimento del debitore. Il curatore ha facoltà di intervenire nell'esecuzione. [ ... leggi tutto » ]

Il debitore ed il testo unico bancario » Credito al consumo e cattivi pagatori

Prima della conclusione del contratto di credito al consumo, il finanziatore valuta il merito creditizio del consumatore sulla base di informazioni adeguate, se del caso fornite dal consumatore stesso e, ove necessario, ottenute consultando una banca dati pertinente. Se il rifiuto della domanda di credito si basa sulle informazioni [ ... leggi tutto » ]

Il debitore ed il testo unico bancario » Assegni e valuta

Il titolare del conto corrente ha la disponibilità economica delle somme relative agli assegni circolari o bancari versati sul suo conto, rispettivamente emessi da o tratti su una banca insediata in Italia, entro i quattro giorni lavorativi successivi al versamento. Gli interessi sul versamento di assegni presso una banca [ ... leggi tutto » ]