Esecuzione su beni ricadenti nel regime di comunione legale

La comunione legale fra coniugi è una comunione senza quote

L'ipotesi in esame riguarda il caso di un creditore del singolo coniuge, che voglia soddisfare un suo credito personale - cioè estraneo ai bisogni della famiglia - su beni appartenenti al coniuge debitore, ma ricadenti nella comunione legale con l’altro coniuge non debitore. Va premesso che non vi è [ ... leggi tutto » ]

Alla comunione legale fra coniugi non può applicarsi la disciplina dell’espropriazione di quote

Per la comunione legale fra coniugi è preclusa, dunque l'applicabilità della disciplina dell’espropriazione di quote (di cui all'articolo 599 codice di procedura civile e seguenti), perchè il bene appartiene ad altro soggetto solidalmente per l’intero, che non potrebbe comunque agire separatamente per lo scioglimento della comunione limitatamente a quel [ ... leggi tutto » ]

Le ipotesi di aggressione del bene ricadente nella comunione legale fra coniugi

Si profilano pertanto almeno tre ipotesi di esecuzione alternative: la necessità di aggredire il bene per l’intero; la facoltatività dell'aggressione per la sola metà; l’indispensabilità dell'aggressione per una sola metà. Va subito precisato che ciascuna di tali soluzioni presta il fianco ad inconvenienti, comunque non dando luogo a conclusioni [ ... leggi tutto » ]

La necessità di sottoporre il bene in comunione legale a pignoramento per l'intero

L'assenza di quote e soprattutto l’impossibilità che della comunione legale entri a far parte un estraneo (cioè colui che della "quota" eventualmente espropriata divenisse aggiudicatario o assegnatario) impongano di qualificare come sola legittima l’opzione perseguibile la necessità di sottoporre, per il credito personale verso uno solo dei coniugi, il [ ... leggi tutto » ]

Limiti dell'opposizione del coniuge non debitore agli atti esecutivi sul bene in comunione legale

La soggezione ad espropriazione di un bene sul quale ha eguale contitolarità il coniuge non debitore lo configura come soggetto passivo dell’espropriazione in concreto operata, con diritti e doveri identici a quelli del coniuge debitore esecutato. Tale sua condizione imporrà la notifica anche al coniuge non debitore del pignoramento. [ ... leggi tutto » ]

Debito personale di uno dei coniugi ed esecuzione su beni ricadenti nel regime di comunione legale

Deve pertanto concludersi che la natura di comunione senza quote della comunione legale dei coniugi comporta che l’espropriazione, per crediti personali di uno solo dei coniugi, di un bene (o di più beni) in comunione, abbia ad oggetto il bene nella sua interezza e non per la metà, con [ ... leggi tutto » ]