Può essere pignorato anche il conto corrente del coniuge dell'indagato

Ma v'è di più: qualora il profitto tratto da taluno dei reati per i quali è prevista la confisca per equivalente sia costituito da denaro, l'adozione del sequestro preventivo anche del conto corrente del coniuge dell'indagato non è subordinata alla verifica che le somme provengano dal delitto e siano confluite nella effettiva disponibilità dell'indagato, in quanto il denaro oggetto di sequestro deve solo equivalere all'importo che corrisponde per valore al prezzo o al profitto del reato, non sussistendo alcun nesso pertinenziale tra il reato e il bene da confiscare.

Non è dunque, richiesto, ai fini della sequestrabilità per equivalente delle somme sul c/c del coniuge dell'indagato, che debbano sussistere indizi chiari in ordine all'illecito utilizzo che dello stesso è stato fatto da parte del coniuge indagato, poiché, altrimenti, si verrebbe a ristabilire la necessità di una correlazione tra la “res” ed il reato che la legge, con l'istituto della confisca per equivalente, ha inteso invece escludere.

Sono questi appena sintetizzati i contenuti della sentenza numero 129 pronunciata il 7 gennaio 2014 dalla Corte di Cassazione.

2 febbraio 2014 · Marzia Ciunfrini

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su può essere pignorato anche il conto corrente del coniuge dell'indagato.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.