Debiti tributari ed accettazione dell'eredità [Commento 1]

  • Alberto Volo 9 marzo 2016 at 17:26

    Mio cognato, aveva una attività commerciale che ha gestito per una decina di anni fino al 2000 dopo di che ha dovuto chiuderla in quanto non riusciva più a pagare le spese di relative a tasse, imposte ecc.

    Nel corso di questi anni sono cominciate ad arrivargli molte cartelle di pagamento di Equitalia notificate a fronte di debiti fiscali e contributivi maturati, che dapprima sono state pagate, per quanto possibile, poi impossibilitato in quanto disoccupato, hanno raggiunto un importo superiore a € 150 mila.

    Mio cognato non possiede altri beni se non due auto già sotto fermo amministrativo.

    Vorrei sapere in che modo Equitalia potrà rifarsi su mio cognato e se il mancato pagamento di queste cartelle da parte sua, potrà andare a interessare le proprietà dei suoi genitori e direttamente anche di mia moglie nel caso di morte di uno dei genitori in quanto diventerebbe, assieme al coniuge superstite e a mia moglie erede a tutti gli effetti.

    Se questo accadesse può rinunciare all'eredità?

    • Annapaola Ferri 10 marzo 2016 at 05:34

      Equitalia potrà rifarsi sull'eredità spettante a suo cognato debitore, certamente non sulle quote ereditarie che saranno assegnate al coniuge superstite ed a sua moglie.

      La rinuncia all'eredità di un debitore serve a poco: il creditore può chiedere al giudice di sostituirsi a lui nell'accettare l'eredità fino al soddisfacimento delle proprie legittime pretese.

      Qualche spunto di riflessione per possibili rimedi può essere individuato nella lettura di questo articolo.

Torna all'articolo