Revolving e debiti per delle carte di credito non pagate

Rifiuto di un rifinanziamento per debito da carta revolving

Ho (avevo) due revolving da 2000 e 1300 euro di credito con pagamento di 100 e 75 euro mensile a cui si aggiunge un finanziamento chiesto nel 2007 di 20000 euro con rata mensile di 400 euro.

I tre contratti sono stipulati con l’agenzia interna della banca. Prima che cominciasse l’insolvenza,ho fatto presente al direttore che cominciavo ad avere problemi con i pagamenti.

Quindi faccio richiesta verbale di rinegoziare i finanziamenti pagando una unica rata di circa di 200 euro mensili (restano da pagare fra tutto circa 8000 euro).

Il direttore non può rifinanziare perchè non ho più garanzie. Quindi telefona alla societa per cercare una soluzione. Fa presente la mia disponibilità: la risposta e sempre negativa. Questo si e ripetuto per tre volte circa in agenzia nel 2010. Inizio 2011 sono cominciato i problemi.

Solita risposta: I finanziamenti non si possono unificare perchè hanno interessi diversi.

Adesso sono indietro con i pagamenti 5-6 mensilità. C’e una agenzia di recupero crediti che gli interessa recuperare i finanziamenti solo delle revolving.

Sono d'accordo per 200 euro mensili, ma su tre finanziamenti: quindi, 100-50-50 euro mensili sempre con il tasso dalla stipula del contratto (revolving 14%). Mi sembra un pò esagerato.

Io continuo ha ripetere che o si fà una rata unica altrimenti facciano quello che ritengono opportuno.

Domani vado di nuovo in banca, come mi devo comportare ?

C'è una via d'uscita ?

Il rifiuto alla richiesta del debitore di consolidare il debito, non è mai messo nero su bianco dalle banche e dalle finanziarie

Se fosse come pretestuosamente riferisce l'agenzia interna alla banca, allora non esisterebbe il business della ristrutturazione (o consolidamento) dei debiti.

Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un debitore con due o più finanziamenti con identico taeg, visto che il tan varia a minuti e le condizioni praticate da banche e finanziarie pure.

Se vuol fare almeno intendere che non ha "mangiato la foglia" chieda che mettano per iscritto quanto dicono al telefono. Così pubblichiamo sul blog.

Il problema vero è che non vogliono ristrutturare e non intendono comunicarlo ufficialmente. Infatti, il documento prodotto, nelle mani del debitore che sta per diventare insolvente e che chiede di poter onorare i propri debiti attraverso un allungamento del piano di ammortamento, vedendosi rifiutare ogni aiuto, costituirebbe un'arma puntata contro la loro tempia in una eventuale fase di recupero giudiziale.

Per questo motivo continuo a sollecitarla a non chiacchierare inutilmente con il direttore o via telefono ed a trasmettere le richieste di consolidamento del debito in modo formale, con raccomandata AR. Questa procedura potrebbe rivelarsi salvifica se sarà portato dal creditore innanzi ad un giudice.

Se fosse come pretestuosamente riferisce l'agenzia interna alla banca allora non esisterebbe il business della ristrutturazione (o consolidamento) dei debiti.

Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un debitore con due o più finanziamenti con identico taeg, visto che il tan varia a minuti e le condizioni praticate da banche e finanziarie pure.

Se vuol fare almeno intendere che non ha "mangiato la foglia" chieda che mettano per iscritto quanto dicono al telefono. Così pubblichiamo sul blog.

Il problema vero è che non vogliono ristrutturare e non intendono comunicarlo ufficialmente. Infatti, il documento prodotto, nelle mani del debitore che sta per diventare insolvente e che chiede di poter onorare i propri debiti attraverso un allungamento del piano di ammortamento, vedendosi rifiutare ogni aiuto, costituirebbe un'arma puntata contro la loro tempia in una eventuale fase di recupero giudiziale.

Per questo motivo continuo a sollecitarla a non chiacchierare inutilmente con il direttore o via telefono ed a trasmettere le richieste di consolidamento del debito in modo formale, con raccomandata AR. Questa procedura potrebbe rivelarsi salvifica se sarà portato dal creditore innanzi ad un giudice.

15 novembre 2012 · Simone di Saintjust

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita e briciole di pane

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su revolving e debiti per delle carte di credito non pagate. Clicca qui.

Stai leggendo Revolving e debiti per delle carte di credito non pagate Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 15 novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

cerca