Il rifiuto alla richiesta del debitore di consolidare il debito, non è mai messo nero su bianco dalle banche e dalle finanziarie

Se fosse come pretestuosamente riferisce l'agenzia interna alla banca, allora non esisterebbe il business della ristrutturazione (o consolidamento) dei debiti.

Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un debitore con due o più finanziamenti con identico taeg, visto che il tan varia a minuti e le condizioni praticate da banche e finanziarie pure.

Se vuol fare almeno intendere che non ha "mangiato la foglia" chieda che mettano per iscritto quanto dicono al telefono. Così pubblichiamo sul blog.

Il problema vero è che non vogliono ristrutturare e non intendono comunicarlo ufficialmente. Infatti, il documento prodotto, nelle mani del debitore che sta per diventare insolvente e che chiede di poter onorare i propri debiti attraverso un allungamento del piano di ammortamento, vedendosi rifiutare ogni aiuto, costituirebbe un'arma puntata contro la loro tempia in una eventuale fase di recupero giudiziale.

Per questo motivo continuo a sollecitarla a non chiacchierare inutilmente con il direttore o via telefono ed a trasmettere le richieste di consolidamento del debito in modo formale, con raccomandata AR. Questa procedura potrebbe rivelarsi salvifica se sarà portato dal creditore innanzi ad un giudice.

Se fosse come pretestuosamente riferisce l'agenzia interna alla banca allora non esisterebbe il business della ristrutturazione (o consolidamento) dei debiti.

Sarebbe difficile, se non impossibile, trovare un debitore con due o più finanziamenti con identico taeg, visto che il tan varia a minuti e le condizioni praticate da banche e finanziarie pure.

Se vuol fare almeno intendere che non ha "mangiato la foglia" chieda che mettano per iscritto quanto dicono al telefono. Così pubblichiamo sul blog.

Il problema vero è che non vogliono ristrutturare e non intendono comunicarlo ufficialmente. Infatti, il documento prodotto, nelle mani del debitore che sta per diventare insolvente e che chiede di poter onorare i propri debiti attraverso un allungamento del piano di ammortamento, vedendosi rifiutare ogni aiuto, costituirebbe un'arma puntata contro la loro tempia in una eventuale fase di recupero giudiziale.

Per questo motivo continuo a sollecitarla a non chiacchierare inutilmente con il direttore o via telefono ed a trasmettere le richieste di consolidamento del debito in modo formale, con raccomandata AR. Questa procedura potrebbe rivelarsi salvifica se sarà portato dal creditore innanzi ad un giudice.

15 novembre 2012 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il rifiuto alla richiesta del debitore di consolidare il debito, non è mai messo nero su bianco dalle banche e dalle finanziarie.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.