Rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia

Salve, avrei da chiedere alcuni chiarimenti.

Circa un mese fa è venuto a mancare mio padre, lasciando oltre a dei depositi bancari anche una casa con un ettaro di terreno circostante. I depositi bancari sono intestati a lui e a mia madre, mentre la casa ed il terreno sono intestati solo a lui. Non vi è testamento e gli eredi siamo io, mia sorella e mia madre. Come avviene e quali sono le modalità della ripartizione dei beni sopra citati? Vengo poi al secondo punto più complicato ed ingarbugliato. Da tempo mia sorella si trova in gravi difficoltà economiche a seguito di due prestiti Bancari ottenuti dal marito, per un totale di circa 700.000,00 euro di cui si è resa garante. Le Banche da oltre un anno stanno agendo legalmente, anche se non hanno ancora chiesto il fallimento. Che fine fanno i beni sia mobili che immobili ereditati da mia sorella? Oltre a ciò vorrei sapere se a tale eredità lei può rinunciare a favore dei figli che sono ormai maggiorenni. Vi è qualche modo fattibile di successione che non permetta alle Banche di poter poi intervenire su tali beni? Sperando in una vostra risposta, porgo distinti saluti.

L'eredità si divide attraverso un atto di divisione, che sarà necessariamente notarile per i beni immobili e per i mobili registrati. L'atto di divisione vi assegnerà i beni in rapporto alle vostre quote di spettanza ereditarie, cioè un terzo a testa. Attenzione però. L'atto di divisione comporta accettazione tacita dell'eredità paterna, con conseguente ingresso dei beni ereditari nel patrimonio della sorella.

In tal caso i beni diventano aggredibili dai creditori. La rinuncia all'eredità (fatta prima di tre mesi dall'apertura della successione, trascorsi i quali si diventa eredi se si è in possesso dei beni ereditari) impedisce certamente questo effetto, perché devolve l'eredità direttamente ai figli della rinunciante, ma i creditori della sorella potranno dimostrare che la rinuncia è stata effettuata in loro danno per frodarli e quindi potranno chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia. La legge infatti tutela i diritti dei creditori.

Per fare una domanda su debiti ed eredità, sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui diritti del debitore, sui debiti in generale nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

16 agosto 2013 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su rinuncia all'eredità – i creditori possono chiedere la revocatoria dell'atto di rinuncia.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • umbe BONONI 19 marzo 2011 at 16:17

    Scusate , ma volevo sapere se dopo la morte di mio padre che per sfortuna ha fatto fallire la sua azienda , il curatore , mi ha detto che non era necessario fare la rinuncia all'eredità
    Ora dopo 3 anni chiede a me e alle mie sorelle che abbiamo avuto vite separate e lontane da mio padre di essere responsabili dei suoi debiti.
    possiamo ancora rinunciare all'eredità dopo 3 anni?
    grazie e sarebbe urgente una risposta
    grazie ancora
    Umbe

    • cocco bill 19 marzo 2011 at 16:39

      Ciao Umbe. Il suo quesito andrebbe riproposto nella sezione "debiti e sovraindebitamento" del nostro forum.

      La registrazione al forum è da noi gradita, ma non è necessaria per poter ottenere risposta.

      Potrà inserire il suo quesito e leggere la risposta dei consulenti anche come semplice ospite visitatore, non registrato.

    1 3 4 5