Quando si verifica l'accettazione tacita dell'eredità

L'accettazione tacita si verifica quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di fare se non nella qualità di erede. L'accettazione tacita può risultare da un comportamento o da una dichiarazione. Non comporta accettazione: la denuncia di successione (perché è obbligatoria), la vendita di cose mobili di modico valore del defunto, l'immissione nel possesso dei beni del defunto (Cassazione civile 1996 numero 5643)

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando si verifica l'accettazione tacita dell'eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Quando si verifica l'accettazione tacita dell'eredità Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 25 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria debiti successione - cartella esattoriale al defunto e pignoramento dei beni ricevuti in eredità

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info