Quando si verifica l'accettazione tacita dell'eredità

L'accettazione tacita si verifica quando il chiamato all'eredità compie un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe diritto di fare se non nella qualità di erede. L'accettazione tacita può risultare da un comportamento o da una dichiarazione. Non comporta accettazione: la denuncia di successione (perché è obbligatoria), la vendita di cose mobili di modico valore del defunto, l'immissione nel possesso dei beni del defunto (Cassazione civile 1996 numero 5643)

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando si verifica l'accettazione tacita dell'eredità.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • IGommone 4 ottobre 2011 at 08:42

    Buongiorno..mio padre è deceduto a dicembre del 2010, di conseguenza sua moglie, io e mio fratello, siamo eredi del suo 50% dell'abitazione (ancora nn è stata effettuata la registrazione).
    Vorrei donare la mia parte di eredità a mio fratello, si può fare ? Premetto che ho un figlio maggiorenne disabile con interdizione, non sò se in questo caso mi è possibile.....
    Grazie infinite

    • dott.ssa Annapaola Ferri 4 ottobre 2011 at 09:46

      Le suggerisco di inserire il quesito nell'area forum del blog. Non mancando di indicare, per contestualizzare la risposta, le motivazioni per cui intenderebbe procedere alla donazione.

    1 13 14 15