Quali effetti ha la rinuncia dell'eredità?

Ha effetto retroattivo a far tempo dalla data di apertura della successione; è nulla se fatta sotto condizione o termine oppure se parziale e può esser impugnata esclusivamente per dolo o violenza.

Infatti, qualora il chiamato all'eredità sia stato costretto alla rinuncia per violenza o per dolo, è possibile agire in giudizio per fare  annullare l'atto entro cinque anni  dal momento in cui è cessata la violenza oppure in cui è stato scoperto il dolo.

Per violenza deve intendersi la minaccia  finalizzata a far rinunciare il chiamato all'eredità. Per dolo, invece, vanno intese le azioni  fraudolente ad opera di un terzo, senza le quali l'aspirante erede avrebbe accettato.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quali effetti ha la rinuncia dell'eredità?.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • IGommone 4 ottobre 2011 at 08:42

    Buongiorno..mio padre è deceduto a dicembre del 2010, di conseguenza sua moglie, io e mio fratello, siamo eredi del suo 50% dell'abitazione (ancora nn è stata effettuata la registrazione).
    Vorrei donare la mia parte di eredità a mio fratello, si può fare ? Premetto che ho un figlio maggiorenne disabile con interdizione, non sò se in questo caso mi è possibile.....
    Grazie infinite

    • dott.ssa Annapaola Ferri 4 ottobre 2011 at 09:46

      Le suggerisco di inserire il quesito nell'area forum del blog. Non mancando di indicare, per contestualizzare la risposta, le motivazioni per cui intenderebbe procedere alla donazione.

    1 13 14 15