Cosa comporta analiticamente l'accettazione con beneficio di inventario dell'eredità?

1) l'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti di credito che aveva verso il defunto e nel contempo conserva i debiti verso costui;

2) l'erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore di quanto pervenutogli. Ad esempio, se il defunto aveva un patrimonio pari a 100 e debiti pari a 150,  l'unico erede che accetti con beneficio di inventario risponderà dei debiti fino a un valore massimo di 100 e non per gli ulteriori 50.

3) i creditori dell'eredità e di legatari hanno preferenza sul patrimonio ereditario di fronte ai creditori dell'erede. Questo effetto, tuttavia, può venir meno in caso di decadenza dal beneficio di inventario, o di rinuncia ad esso.

In pratica, l'accettazione con beneficio di inventario è la soluzione ideale per situazioni in cui il defunto lascia molti debiti certi, mentre il suo patrimonio è costituito  da beni di cui è difficile compiere una valutazione attendibile.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca